Questo sito contribuisce alla audience di

Ultimi interventi

prossimi 10 »
  • Sapori letterari sbarca a Puerto de Libros

    A gennaio 2011 il laboratorio di scrittura creativa gastronomica "Sapori letterari" sbarcherà in un porto molto particolare e stimolante sotto il punto di vista culturale: la libreria "Puerto de Libros" di Milano.

  • Una pera fatale

    Figlia d'arte – di suo padre, Rino Di Leone, è stato pubblicato postumo “23 rosso 17 nero” (Supernova), romanzo ambientato in una Venezia tra le due guerre – Maria Cecilia Fraccon, ha lo stile fogazzariano di un mondo la cui semplicità sempre affascina, pur non essendo avulso da (alquanto) innocenti malizie. Questo godibile racconto, in cui il destino cambia la sua traiettoria, è nato qualche settimana fa nell’aula di “Sapori letterari” presso la libreria Lettori Golosi di Monza.

  • Agente Segreto 006 1 0

    Se ci sono l’entusiasmo, una tenace voglia di scrivere e un gustoso gruppo di scrittura creativa come quello che si è creato da Lettori Golosi quest'anno, anche un’esercitazione difficile come quella che prevede l’uso di frasi strampalate tipo “stasera frittura di crampi” – “birra doppio smalto” – “a Londra mi ingozzerò di after shave” (tratte dal divertente libro di Martino Campanaro “Latte parzialmente stremato”, Piemme) può dare un ottimo risultato. Come questo, firmato Monguzzi. Paola Monguzzi.

  • Sapori letterari su IRIS TV

    Molto spesso mi scrivono per chiedermi come si svolge esattamente il mio laboratorio di scrittura creativa gastronomica "Sapori letterari": cosa vi si fa, cosa e come si scrive, cosa si degusta; se bisogna saper scrivere o essere bravi ai fornelli, se si impara la letteratura oppure a cucinare. Ecco tutte le risposte tramite la tivù.

  • La Confraternita delle Streghe Autogestite

    Un racconto di Halloween, scritto da Francesca Viganò (la cui bravura già conosciamo grazie a "Sapori letterari"), corredato da una ricetta che fa resuscitare i morti. Sul serio.

  • Festa di nozze

    Franco Scavino, voce maschile del laboratorio "Sapori letterari" che sto tenendo a Monza presso la libreria "Lettori Golosi", ha dato vita a questa bucolica festa di nozze con finale insolito durante l’ultimo incontro avente come tema: I sapori delle feste: calengusto. Franco, classe 1932 (dicono che è di ferro, speriamo!), contitolare di una grande agenzia turistica, ha trascorso 40 anni nel settore e ha girato il mondo con l’obiettivo di arrivare prima che il turismo di massa trasformasse tutto in un grande happening. Per anni ha tenuto una rubrica sul turismo sull’Europeo e oggi è impegnato anche come segretario dell’Università della Terza Età di Cinisello Balsamo (Mi) che conta ben 600 iscritti. Non ha paura della morte, fa parte del giro della vita. A questo proposito ha lasciato precise diposizioni in una busta sigillata: un funerale povero perché non è il caso di far ingrassare il racket del caro estinto, nessuno deve piangere, a quelli che sorrideranno verrà riservato il piacere di gustare una pasta e fagioli secondo la ricetta che ha lasciato nella stessa busta da aprire solo dopo la sua morte!

  • Vanni il clown

    Atmosfera degna dello sgorloniano “Calderas” quella che ha creato Lorenza Casati in un’esercitazione di Sapori letterari per lavorare sulla creazione del "personaggio". Nuova allieva dell’attuale laboratorio di Monza presso la libreria Lettori Golosi, Lorenza - classe 1966 - è di Carate Brianza, dove è recentemente arrivata dopo un'esperienza di quasi cinque anni trascorsa a Barcellona. Attualmente lavora come buyer presso un'agenzia milanese di abbigliamento. Il suo sogno nel cassetto: l'India.

  • Ode al minestrone

    Si è unita a noi e, tra un cliente e l’altro, ha composto la sua Ode al minestrone, sulla falsariga di quella al carciofo di Pablo Neruda, spunto utilizzato per l’incontro di sabato scorso avente per oggetto: “I sapori della poesia: odi, rime e saporite parodie”. Sto parlando di Monica Scirea, la versatile e vulcanica titolare della libreria Lettori Golosi di Monza, nei cui confortevoli spazi attualmente sto tenendo il secondo modulo del laboratorio di scrittura creativa “Sapori letterari”. Fa venire voglia anche al carnivoro più integralista, non trovate?

  • Quel tocco in più

    Vi segnalo una nuova, promettente allieva di Sapori letterari che sto tenendo alla libreria “Lettori Golosi” di Monza: Paola Monguzzi. Monzese, classe 1971, sposata e madre da pochi mesi di una meravigliosa bimba, ha lavorato come educatrice in una comunità psichiatrica per anni. Ma nella vita ha fatto anche tante altre cose e ancora adesso è piena di idee e progetti. Ama le esperienze nuove e assaggiare di tutto, ama leggere, scrivere, cucinare (garantisco: fa un ottimo tiramisù che impreziosisce con acini di ribes), raccontare ed ascoltare. Adora imparare da tutto e da tutti. Crede in Dio, nel Bene e nel Male e nelle persone. Il suo racconto ha come incipit uno stralcio tratto da “La pioggia deve cadere” (Einaudi) di Michel Faber.

  • Storia di un amore impossibile (ma con lieto fine)

    Con molto entusiamo è ripreso il laboratorio di scrittura creativa gastronomica "Sapori letterari" in quel posto gioioso che è la libreria "Lettori Golosi" di Monza. Questo secondo modulo vede la partecipazione di nuovi allievi, ma anche di alcuni fedelissimi, come Francesca Viganò: un nome da tenere a mente, una ragazza di innegabile talento e... golosa fantasia.