Questo sito contribuisce alla audience di

Argomenti correlati

  • Il Vesuvio in punta di forchetta

    Si può descrivere una città attraverso la sua cucina? Sì, se quella città è piena di colori, di profumi, di sapori, di richiami che evocano il cibo. Sì, quella città è Napoli.

  • Braciole

    L'Italia, oltre ad avere una varietà di ricette per ogn regione, non esibisce sempre altrettanta varietà nel battezzare i vari piatti. La braciola, che in molte zone della Penisola indica la costoletta di maiale, a Napoli è invece tutt'altra cosa.

  • La cucina del Paese di Cuccagna (Il leone verde)

    Passeggiate gastronomiche con Matilde Serao, grande donna e grande giornalista (a torto poco considerata come scrittrice) che apprezzo da sempre e di cui mi sarebbe piaciuto seguire le orme.

  • Sartù di riso

    E’ questa una vecchia ricetta napoletana – già nel ‘700 il “Cuoco Galante” ne riportava ben due versioni – ancor oggi in uso in molte famiglie. Il sartù è in pratica un timballo: nel ‘700 a Napoli con il termine sartù venivano indicati tutti i timballi non incassati nella pasta, ma in maccheroni, purè, ortaggi. E vicino, in un certo senso, ai timballi arabi come alla paella spagnola, è il sartù. (Curiosità gastronomica a cura di Rita Boini in “Ricette per un delitto” di Danila Comastri Montanari - Todaro Editore)

  • La smorfia a tavola

    Sapevate che esiste una smorfia gastronomica?

  • Ricette in modulazione di frequenza

    C'è un libro, presente in quasi tutte le case napoletane, che è stato un cult alla fine degli anni Ottanta

  • Fasti culinari borbonici

    Riscoprire la cucina della dinastia borbonica vuol dire riconoscere il giusto valore anche a tutte le tessere che ne componevano il mosaico.

  • Pasticcetti rustici con la ricotta

    Una ricetta per dare inizio ad una colazione all'aperto