Questo sito contribuisce alla audience di

I fantasmi del 25 Aprile.

Sembra umorismo inglese, ma c’è ancora chi non ride e ci crede...

fantasmi
In Inghilterra, nello Yorkshire, per la vigilia del 25 Aprile, mentre in Italia allegramente ci si prepara per la tradizionale uscita fuori porta, c’é l’antica usanza di sedersi dalle undici all’una di notte dentro il porticato di una chiesa, per vedere i fantasmi di coloro che moriranno nell’anno a venire. Il gesto andrebbe ripetuto per tre anni di seguito e solo al terzo si assisterebbe alle apparizioni.
E’ un modo che è un’inconscia speranza di veder trapassare prima pe persone di cui ci si aspetta la morte.
Secondo tale assurda credenza c’è un adagio popolare che così recita:

“…When the midnight signal tolls,
Along the churchyard green,
A mournful train of sentenced souls
In winding-sheets are seen.
The ghosts of all whom death shall doom
Within the coming year,
In pale procession walk the gloom,
Amid the silence drear.’

“… quando le campane battono la mezzanotte,
lungo il verde del cimitero
una lamentosa fila di anime condannate a morte
si vedono nei loro lenzuoli ondeggianti.
I fantasmi di tutti coloro che la morte ha condannato
entro l’anno a venire,
in pallida processione camminano nell’oscurità,
nel tremendo silenzio” (1)
Sembra umorismo inglese, ma c’è ancora chi non ride e ci crede!

(1) Traduzione di Corinzia Monforte

Ultimi interventi

Vedi tutti