Questo sito contribuisce alla audience di

Il teorema di Petrarca

Amore e matematica


Nel Canzoniere di Petrarca sono descritte tutte le sensazioni che procura l’amore: dall’ossessione alla delusione all’esaltazione alla nostalgia.
Le poesie non seguono un ordine cronologico, ma sono giustapposte secondo criteri di attiguità di sentimento. Considerando, dunque, che le dinamiche amorose sono costanti, lo psicologo inglese Frederic Jones propose una cronologia basata sulle emozioni cicliche e ricorrenti.
Dopo aver distinto le poesia in vita da quelle in morte e aver analizzato linguisticamente e contenutisticamente le prime, assegnò un voto negativo a quelle caratterizzate dalla disperazione profonda e uno positivo a quelle che descrivevano l’estasi amorosa: si accorse così che i sentimenti del Petrarca cambiavano radicalmente all’incirca ogni quattro anni e il mutamento era dettato da dinamiche comportamentali sue e di Laura che invece erano immodificabili.
La girandola di queste emozioni è riassumibile secondo schemi vagamente matematici:
più Petrarca è trascurato da Laura più si deprime.
Più si deprime, più trova conforto nella poesia.
Più scrive, più la letteratura lo esalta e meno pensa a Laura.
Più Laura si sente adulata nelle poesie, più torna a cercare Petrarca.
Più Laura trova Petrarca depresso, più cerca di consolarlo.
Più Petrarca si sente incoraggiato, più tenta le sue avance.
Più forti sono le avance, più rapido è l’allontanamento di Laura.
Più Petrarca si sente trascurato etc etc.
In simili circoli viziosi si dipana l’esistenza di Petrarca (e di tutti gli uomini innamorati dell’amore)

Ultimi interventi

Vedi tutti