Questo sito contribuisce alla audience di

Accabadora

Un romanzo di Michela Murgia

Fa accapponare la pelle, Accabadora.
Ti proietta in un mondo ancestrale, arcaico, intriso di superstizioni ed ubbie, chiuso nella cristallizzazione del tempo: è la Sardegna di cinquanta anni fa la vera protagonista di questo romanzo corale che solleva grandi temi, li discute coraggiosamente, insinua verità inaccettabili e le ammanta del fascino senza tempo della tradizione.
L’accabadora è l’Ultima Madre, colei che ti è vicina nel momento della sofferenza estrema e dona una dolce morte a chi sconta con dolori e sofferenze la pena dell’esistenza. Riverita in paese, dolente e convincente nel suo ruolo, Tsia Bonaria Urrai porta con sé in ogni gesto quotidiano le stimmate del discutibile onore riservatole.
È una vedova bianca, fidanzata a un uomo caduto in guerra, o disperso, o felice altrove mentre in paese lo piangono morto; è una donna che ha capito a sue spese che “la parola eroe era il maschile singolare della parola vedova”.
Anche la sua fisionomia è stata stravolta dal destino:

“quanti anni avesse Tzia Bonaria allora non era facile da capire ma erano anni fermi da anni, come fosse invecchiata d’un balzo per sua decisione e ora aspettasse paziente di essere raggiunta dal tempo in ritardo”.

Fa da contraltare a questa sacerdotessa pagana la “fill’e anima”, Maria Listru, strappata ad una famiglia a cui la miseria aveva estinto ogni capacità d’amore e cresciuta come figlia adottiva. Incapace di rapportarsi ad un mondo senza tempo come quello sardo, a disagio nei suoi panni ed in cerca di se stessa, la ragazza abbandona il paese per scontrarsi con analogo disamore in città.
Michela Murgia scrive come se celebrasse una liturgia: in uno stile cadenzato, musicale, attento al particolare perché è di particolari che si nutre l’esistenza, sviluppa una storia delicata e insieme intensissima, rapida da leggere e lunga da rielaborare.

Ultimi interventi

Vedi tutti