Questo sito contribuisce alla audience di

Strappami la vita

il romanzo di esordio che ha rivelato il talento di Angeles Mastretta

Nel Messico postrivoluzionario degli anni trenta e quaranta, la vita di una donna scorre al riparo delle pareti domestiche, e gli echi del mondo esterno, le lotte di potere, gli intrighi e la corsa alla ricchezza, strettamente pertinenti all’universo maschile, la toccano solo di riflesso.

Il marito, generale zapatista, è un uomo violento, che considera la giovane meglio (che ha vent’anni meno di lui) solo come un giocattolo. Le note prepotenti di un tango, il famoso “Strappami la vita” del musicista messicano August Lara, irrompono però prepotenti e sensuali nell’esistenza sonnolenta di Catalina. “Strappami la vita”, ma anche strappami dalla mia vita: ed è l’amore, l’amour-passion, travolgente e fatale, soprattutto per lo sventurato amante, che verrà subito eliminato dall’inesorabile marito; a differenza di altre scrittrici sudamericane, infatti, poco è lasciato alla fantasia e gli aspetti spietati del burrascoso momento storico toccano la protagonista in maniera drammatica.

Un romanzo d’amore e assieme politico, in cui rivolta e fatalismo si uniscono in un fluire rapido, pieno di vita, denso di avvenimenti, trascinante come la musica da cui prende il titolo.

Link correlati