Questo sito contribuisce alla audience di

Come tanti cavalli

La nuova generazione di artisti brasiliani; un libro di Luiz Ruffato, pubblicato da Bevivino Editore

Che cosa succede a San Paolo del Brasile il 9 maggio 2000? Niente di particolare, risponderebbe uno qualsiasi degli abitanti della sterminata metropoli.

Solo milioni di persone, che come tanti cavalli, portano avanti la dura vita della città tentacolare
Con coraggio, violenza, paura, miseria, corruzione e sogno.

La moltitudine paulista sfila intrecciata in numerose minitrame e, come frammenti di vetro colorato di un caleidoscopio, si compone di volta in volta in immagini drammatiche e angoscianti

L’autore:

Luiz Ruffato è nato nel 1961 a Cataguases (Minas Gerais), culla del modernismo letterario brasiliano. Figlio di una lavandaia e di un venditore di popcorn, di origini italiane, ha esercitato ogni tipo di mestiere, da cassiere di cinema a tornitore meccanico a operaio tessile.

Giornalista, scrittore e saggista, ha pubblicato la raccolta di poesie Cotidiano do medo (1984), le raccolte di racconti Historias de remorsos e de rancores (1988) e (os sobreviventes) (2000), che nel 2001 ha vinto a Cuba il premio Casa de Las Americas come miglior libro in lingua portoghese.

Riconosciuto in Sud America come autore radicale, sperimentatore eccelso dotato di particolare lucidità, innovatore/rinnovatore, Ruffato non è disposto a compromessi