Questo sito contribuisce alla audience di

L'amore ai tempi del colera

uno dei più bei libri di Marquez..."Era inevitabile: l'odore delle mandorle amare gli ricordava sempre il destino degli amori contrastati."

Era inevitabile: l’odore delle mandorle amare gli ricordava sempre il destino degli amori contrastati.”

Una passione, un’ossessione, quella di Florentino Ariza per la bella Fermina Daza, che dura tutta una vita: a volte espressa apertamente, come quando entrambi erano ragazzi e prima che il padre di lei troncasse la relazione, a volte covando sotto al cenere. Gli anni trascorrono per i due entro sfere diverse: sposata a un notabile del posto, nell’abitudine e negli agi, così passa la vita di lei; facendo carriera nella locale compagnia di navigazione e amando molteplici donne in avventure più o meno fugaci quella di lui. Non si perdono però mai di vista, non del tutto. Quando il marito di Fermina muore, in circostanze tragicomiche, Florentino pare a un passo dal coronare il suo sogno d’amore, ma sarà solo l’inizio di un nuovo corteggiamento, di una passione ormai matura, sorretta da una decisione incrollabile, da una fede quasi, nel destino che prima o poi li unirà. E’ meglio non rivelare qui se il sogno diverrà realtà o meno…Marquez tiene il lettore avvinto dalla prima all’ultima pagina, in uno stile così fluido e scorrevole da sembrare acqua, delineando, oltre ai due protagonisti, un cast memorabile di co-protagonisti e comprimari: il marito di lei, la madre di lui, le varie amanti…Un inno all’amore e alla tenacia, nell’epoca dell’usa e getta.

Federico Guerrini