Questo sito contribuisce alla audience di

Un canto nuovo d'esilio

Di Carlos Drummond De Andrade

 

 

 

Un canto nuovo d’esilio

Un sabià
Sulla palma, lontano.
Questi uccelli cantano
un canto diverso.

Su fiori umidi
palpita il cielo.
Voci nei boschi
l’amor più grande.

Solo, di notte
la felicità
un sabià
sulla palma, lontano.

Dove tutto è bello
e fantastico
solo, di notte,
la felicità
Un sabià
sulla palma, lontano.

Un grido di vita
e poi tornare
dove tutto è bello
e fantastico
la palma, il sabià,
la lontananza.

(tratto da: “Il grido sott’acqua”, antologia di poeti brasiliani, a cura di Mario Riccò;
Edizioni E.M.I./CEM, 1986)