Questo sito contribuisce alla audience di

Literatura Nacional Contemporânea, i film di Fernando Sabino

di Luisa Ramundo.

Se, come diceva Vinicius de Moraes, la vita è l’arte dell’incontro, Fernando Tavares Sabino è stato anche grande artista dell’esistenza. Sabino credeva nelle coincidenze e molte fatalità hanno segnato le sue vicende personali e soprattutto le avventure legate alla scrittura, come l’ incontro con Hélio Pellegrino, Otto Lara Resende e Paulo Mendes de Campos. I suoi rapporti di amicizia personale con i maggiori scrittori e poeti brasiliani nascono per caso. Pubblica ancora adolescente la sua prima raccolta di racconti, Os grilos nao cantam mais nel ’41, che gli vale l’elogio di un autore già affermato come Mario de Andrade con cui intratterrà uno scambio epistolare che durerà tutta la vita. Ben presto inizia anche un intenso scambio con Hélio Pelegrino, Otto Lara Resende e Paulo Mendes Campos, significativo per l’evoluzione di ognuno degli autori.

E’ possibile condividere un po’ dello spirito e della avventura umana e artistica espressa in quelle riunioni anche attraverso i fotogrammi dei cortometraggi realizzati da Fernando Sabino e da David Neves in cui si possono incontrare Manuel Bandeira, Guimarães Rosa, Jorge Amado, Vinícius de Moraes e Pedro Nava. I film sono disponibili sul sito Portal Literal. Possiamo vedere Érico Veríssimo che sfida a duello un samurai immaginario, partecipare ad una riunione di umbanda con Jorge Amado e la sua mãe de santo. Sentir confidare dalla sua viva voce i poteri dei suoi santi e accompagnare, attraverso il racconto diretto di Jorge Amado, i suoi processi di creazione, la lunga esperienza che è stata necessaria per narrare con ironia. Ascoltare Vinícius de Moraes che racconta la nascita del suo primo poema, scritto a sei anni per conquistare una sua fiamma, la prima di una esuberante vita amorosa. Possiamo spiare Drummond de Andrade che gioca a nascondersi e il poeta Manuel Bandeira mentre si reca a fare la spesa. Vedere e ascoltar parlare Manuelzão, uno dei personaggi di Guimarães Rosa.

Una prossima esposizione dedicata a Sabino comprenderà un omaggio alla sua esperienza cinematografica, che arricchisce ed integra la carriera giornalistica e la prevalente attività letteraria narrativa. E’ soprattutto nel genere della crônica che Sabino ha espresso il suo talento di narratore fluente, versatile, carico di poesia, di saggezza e senso dell’humor. La mostra itinerante dedicata a Sabino, che sta per raggiungere le principali città brasiliane, comprende anche la proiezione dei cortometraggi realizzati tra il 1973 e il 1974 insieme a David Neves per la Bem Te Vi Filmes. La serie di documentari dedicata agli scrittori brasiliani contemporanei, progetto che porta il nome di Literatura Nacional Contemporânea, ha visto Sabino impegnato come regista e produttore.

Alcuni filmati del progetto Literatura Nacional Contemporânea sono disponibili sul portale Portal Literal