Questo sito contribuisce alla audience di

Louis Comfort Tiffany. Biografia: gli esordi da pittore

Maestro delle arti decorative durante l'epoca d'oro americana, artista poliedrico e visionario, fra i più originali ed influenti designer del periodo, abile nel combinare il valore artistico con l'utilità funzionale, anche nella produzione industriale; i suoi oggetti sono, oggi, collezionati ed apprezzati in tutto il mondo, ed insieme compongono il nome più illustre dell'arte (e del lusso) americani.

Joacquìn Sorolla y Bastida - Ritratto di Louis Comfort Tiffany 1911

Figlio di uno dei più richiesti gioiellieri di New York (Charles Louis Tiffany), Louis Comfort Tiffany (1848-1933) ignorò il proprio retaggio di successo e decise di trovare una direzione artistica e professionale propria, disinteressandosi perciò all’impresa paterna (almeno, in questi anni, che il genitore visse con impaziente disappunto), ma studiando, prima, da pittore nella città natale, e specializzandosi, dall’età di 24 anni, nelle tecniche di lavorazione del vetro. Nel 1865, egli intraprese il suo primo viaggio in Europa, che toccò la Gran Bretagna, l’Irlanda, la Francia e l’Italia, e nel corso del quale non mancarono occasioni per ammirare i vetri medievali delle cattedrali, e quelli siriani e romani conservati al “Victoria & Albert Museum” di Londra (che, oggi, possiede una collezione delle sue stesse opere); già allora, egli annotò che la lavorazione contemporanea del vetro, sostanzialmente invariata dal medioevo, potesse esser migliorata.

In quegli anni, tuttavia, era ancora la pittura che occupava principalmente la mente del giovane; fra le sue maggiori infuenze artistiche si può annoverare il pittore di paesaggi Georges Inness (1825-1894 - di cui riproduciamo “Lackawanna Valley” del 1855, fra paesaggio industriale e rurale), che frequentò presso il suo studio dopo il ritorno dall’Europa e che era, a sua volta, in contatto con il gruppo di artisti impressionisti di Fountainebleau detto “Barbizon School”; da Innes Tiffany ereditò l’amore per il paesaggio e la natura, e ne apprese il primato del rapporto emotivo con essa su quello intellettuale: una lezione di cui avrebbe fatto sempre tesoro. Ancora fra i pittori, va annoverato Léon-Adolphe-Auguste Belly (1827-1877), famoso per i suoi evocativi dipinti di luoghi esotici (come il “Canale di Mahmoudieh ad Alessandria d’Egitto” del 1868, qui riprodotto) e che incontrò nel corso del secondo viaggio in Europa del 1868, preludio a quello che avrebbe compiuto di lì a poco.

Furono forse i paesaggi di Belly (come immaginiamo) che spinsero il giovane a seguire, nel 1870, la via del deserto del Nord-Africa in compagnia dell’amico e pittore Samuel Colman, attraverso Marocco, Tunisia, Algeria ed Egitto - un’escursione durante la quale Tiffany raccolse oggetti di vetro locali, osservò con grande apprezzamento l’architettura e l’arte decorativa islamica, documentando costantemente i paesaggi attraverso schizzi, foto e tele (basate, spesso, sui primi due); delle testimonianze del viaggio abbiamo, qui, riportato: “Sulla via fra la Vecchia e la Nuova Cairo, la moschea di Mohammed Ali, e tombe dei Mamelucchi” del 1872, “L’incantatore di serpenti di Tangeri” (1872), dalla misteriosa atmosfera, ed “Il giorno del mercato fuori dalle mura di Tangeri” (1873).

Tornato negli Stati Uniti, Louis C. partecipò alla fondazione della “Society of American Artist”, assieme ad altri membri quali James McNeil Whistler, ricoprendone la carica di tesoriere. In questi anni il giovane artista contò la partecipazione a ben 27 mostre; convinto, tuttavia, della modestia dei risultati che la propria carriera di pittore avrebbe potuto ottenere, spostò altrove le proprie attenzioni, dalla fine degli anni Settanta in avanti, pur abbandonando mai del tutto quest’arte.
Il tardo dipinto “Piramidi Egizie incorniciate dalle colonne del tempio” (1908) è sicuramente una testimonianza della indelebile memoria di questa prima, temporanea, fase. (torna all’articolo precedente) (vai al successivo)

Joacquìn Sorolla y Bastida - Ritratto di Louis Comfort Tiffany 1911Georges Inness - Lackawanna Valley - 1855Léon Adolphe Auguste Belly - Canale di Mahmoudieh ad Alessandria d'Egitto - 1868Louis Comfort Tiffany - Sulla via fra la Vecchia e la Nuova Cairo, la moschea di Mohammed Ali, e tombe di Mamelucchi - 1872 Louis Comfort Tiffany - L'incantatore di serpenti di Tangeri - 1872Louis Comfort Tiffany - Il giorno del mercato fuori dalle mura di Tangeri - 1873Louis Comfort Tiffany - Duane Street - 1877Louis Comfort Tiffany - Piramidi Egizie incorniciate dalle colonne del tempio - 1908