Questo sito contribuisce alla audience di

Louis Comfort Tiffany. Biografia: le commissioni d'arredo

Maestro delle arti decorative durante l'epoca d'oro americana, artista poliedrico e visionario, fra i più originali ed influenti designer del periodo, abile nel combinare il valore artistico con l'utilità funzionale, anche nella produzione industriale; i suoi oggetti sono, oggi, collezionati ed apprezzati in tutto il mondo, ed insieme compongono il nome più illustre dell'arte (e del lusso) americani.

Louis Comfort Tiffany and Samuel Colman - Sedia per la Libreria di H. O. Havemeyer, New York - 1891Seguendo l’onda della rapida crescita industriale e della domanda del lusso, alla fine degli anni Settanta dell’Ottocento Louis Comfort Tiffany (1848-1933) fondò con un gruppo d’amici (S. Colman, C. Wheeler e W. H. de Forest), la “Louis C. Tiffany and Associated Artists”, un’impresa specializzata nelle commissioni d’arredo che operò durante il quadriennio 1879-1883. La società lavorò per conto di prestigiosi clienti come (fra gli altri) il Presidente degli Stati Uniti, Arthur Chester, che era originario di New York e che conosceva molto bene il nome “Tiffany”.
Chester commissionò alla società la costruzione di una parete a tre pannelli e porta a vetri nella Sala ufficiale d’Ingresso della Casa Bianca, che serviva a separare la parte pubblica da quella privata; in seguito la vetrata fu distrutta, con inclassificabile spregio, per ordine di Roosvelt (qui, è riprodotta in una foto d’epoca).

Con la produzione di mobili, carte da parati e tessuti, il gruppo replicava negli Stati Uniti gli ideali della “Arts and Crafts Movement”, fondata da William Morris in Inghilterra. Fatta eccezione per il radicale rifiuto alla produzione industriale di quest’ultima, Louis C. ereditò da Morris la predilezione per le arti applicate e per gli oggetti d’uso quotidiano quali luoghi dove incontrare la bellezza, l’idea che l’arte dovesse trovare nella natura la sua principale fonte d’ispirazione, varietà di forme e di colori, e la tendenza a cercare un maggior controllo possibile della propria opera, dal disegno al prodotto finale, sorvegliando nei laboratori tutte le fasi di lavorazione - finestre, lampade o gioielli, che fossero.
Fra i committenti che fecero decorare la propria abitazione dalla “Louis C. Tiffany & Associated Artists” ricordiamo: il milionario farmaceutico George Kemp (di cui riproduciamo una vetrata della casa nella 5th Evenue di New York -1879-, ora al “Charles Hosmer Morse Museum of American Art “ di Winter Park, Florida), Marc Twain (che affidò, nel 1882, diverse parti della sua Casa-Museo al 351 di Farmington Avenue, Artford - qui riproduciamo la sala della Biblioteca, dotata di una piccola serra), il politico Hamilton Fish, il presidente del “Metropolitan Museum” John Taylor Johnston, William H. de Forest, William S. Kimball, Cornelius Vanderbilt, Ogden Goelet, William T. Lusk. La società decorò, inoltre, la libreria e la “Stanza dei Veterani” nella “New York’s Seventh Regiment Armony”, il corridoio d’entrata e le scale della “Union League Club” e le tende per il “Madison Square Theatre”. (torna all’articolo precedente) (vai al successivo)

Louis Comfort Tiffany and Samuel Colman - Sedia per la Libreria di H. O. Havemeyer, New York - 1891Louis Comfort Tiffany Louis Comfort Tiffany - Entrata della Casa Bianca_1882Louis Comfort Tiffany - Finestra della casa di Kemp - 1879Louis C Tiffany & Associated Artists - Biblioteca di Mark Twain