Questo sito contribuisce alla audience di

Riapre il Villino Florio di Palermo

Dopo quasi mezzo secolo di interdizione al pubblico, grazie ad una fedele opera di restauro torna alla luce e nel suo originale splendore uno dei gioielli Liberty siciliani ed italiani.

Villino FlorioIl 10 dicembre ha riaperto definitivamente uno degli edifici più rappresentativi dell’epoca Liberty italiana: il Villino Florio, ubicato in Viale Regina Margherita 38 di Palermo. L’edificio, realizzato dall’architetto Ernesto Basile fra il 1899 ed il 1902 su committenza di Ignazio Florio Jr (noto imprenditore appartenente ad una delle famiglie più in vista della Sicilia dell’epoca), era stata danneggiata a seguito di un incendio doloso nel 1962 (vd. la foto in basso), che ne aveva praticamente distrutto gran parte degli interni e resa inagibile al pubblico. Gli interventi di restauro, di carattere filologico, sono stati rivolti ad una integrale ricostruzione di stoffe, tappezzerie e legni, avvalendosi di fotografie e documenti dell’epoca, coinvolgendo storiche manifatture come la seteria di Caserta (già fornitrice degli arredamenti della famiglia dei Borbone).
La delicata opera è stata svolta sotto il controllo della Sopraintendenza ai beni Culturali e Ambientali di Palermo.

In occasione della riapertura, il Villino sarà luogo anche di una mostra intitolata i “I Florio e la Targa”; a fare compagnia ai preziosi cimeli della casa, infatti, saranno presenti modelli di auto d’epoca (due barchette degli anni Cinquanta, una Bugatti ed una Ford T) che hanno reso celebre la corsa automobilistica della “Targa Florio”, svoltasi fra il 1906 ed il 1977, su idea di Vincenzo Florio, appassionato d’auto e che i fan di corse ricordano anche per il progetto del vecchio Circuito di Monza. La mostra sarà aperta fino al 10 di gennaio.

Per maggiori informazioni chiamare lo 091.7071403.
Incendio del Villino Florio  © foto di Giuseppe Cappellani tratte dal catalogo  "In volo sul secolo breve" ed. Kalos