Questo sito contribuisce alla audience di

"Il Profeta" di Kahlil Gibran

Dall'autore libanese, personaggio affascinante, il dono di una lettura illuminante, la sua visione "religiosa" della vita.

Nato in Libano nel 1883, in un’antica famiglia dalle origini cristiano-maronite, emigrato a Boston nel 1894 con la madre e morto a prematuramente a New York nel 1931, Kahlil Gibran è conosciuto in tutto il mondo come l’autore del “Profeta”, il cui successo, attraversando i decenni e influenzando generazioni di lettori, ha superato ogni record, ignorato frontiere, mode, credenze, ideologie e religioni.

Come descrivere il Poeta e l’opera in tutta la loro complessità?

Dall’adolescenza povera e ribelle ai primi componimenti in arabo, dall’arrivo negli Stati Uniti e dalle esperienze a Boston e a New York al ritorno in Libano, dai viaggi in Grecia, Spagna, Italia fino al soggiorno a Parigi. Il suo amore per la pittura, i complessi rapporti con le donne, la felice rielaborazione dei motivi spirituali dell’epoca, il successo, la consacrazione e poi il declino, la solitudine e l’alcolismo. La morte e il ritorno delle sue spoglie in Libano…

Milioni di lettori lo confondono con il suo Profeta”, personaggio leggendario e figura romantica dalla saggezza a portata di tutti: la saggezza nascosta fra le risposte che un misterioso profeta, dà come dono, agli abitanti di un luogo lontano e senza tempo, prima di imbarcarsi per ritornare all’isola dove è nato.

A turno gli viene chiesto di parlare dell’amore, del matrimonio, dei figli, del lavoro, della gioia e del dolore, dei crimini e delle punizioni, della legge, della libertà, ma anche dell’amicizia, del tempo, del piacere, per citare alcuni argomenti, una raccolta di pensieri e riflessioni, formulati in forma poetica, sul mistero dell’uomo e dell’universo.

Anche chi crede di non aver mai sentito parlare di questo autore, o di non aver letto nulla di suo, non si preoccupi, di sicuro si è imbattuto in una citazione, un aforisma, che lo riguarda.

Tradotto in numerose lingue, negli Stati Uniti il successo di Gibran ha raggiunto livelli inimmaginabili: le vendite de “Il Profeta” sono seconde solo a quelle della Bibbia.

E se molti conservano il prezioso volume sul comodino, come a testimoniare l’importanza del contenuto, persino diversi presidenti degli U.S.A. sono stati “toccati” dalle parole dell’autore libanese: da Woodrow Wilson a John F. Kennedy, solo per fare due nomi.

Quale sorpresa è stata per me scoprire che nell’esortare gli americani - “Non chiedete che cosa può fare il vostro paese per voi, ma chiedetevi che cosa voi potete fare per il vostro paese” - stava citando proprio le parole che Gibran aveva diretto al popolo della Siria e del Libano mezzo secolo prima!

Mi sembra particolarmente significativo ricordare, in un periodo così denso di dolorosi interrogativi sul futuro della pace, proprio questo autore - un libanese che ha fatto degli Stati Uniti la sua seconda patria, dell’inglese la lingua in cui esprimersi e che dall’America è stato accolto come un suo stesso “figlio” .

Impressionato dalla tecnologia, da beni materiali, ma anche dalle enormi opportunità che questo paese gli offriva, in termini di libertà, democrazia ed uguaglianza, ha dimostrato come misticismo orientale e pragmatismo occidentale possano integrarsi, dando vita ad un insieme che rappresenti il meglio di due mondi apparentemente così distanti e di due anime apparentemente così diverse.

Ultimi interventi

Vedi tutti