Questo sito contribuisce alla audience di

Sette piccoli sospetti

Domenica 16 maggio 2010 - ore 19,00, Arena del Bookstock Village, Salone del Libro di Torino: Christian Frascella legge e commenta brani dal suo nuovo romanzo, Sette piccoli sospetti

Dopo il successo di Mia sorella è una foca monaca, Christian Frascella ritorna con un romanzo divertentissimo e tenero, un po’ favola, un po’ commedia, un po’ noir, la storia dell’iniziazione all’adolescenza di sette dodicenni in un’estate indimenticabile che segnerà per sempre la loro vita.
Da Mia sorella è una foca monaca - 40.000 copie vendute, secondo classificato al Premio Viareggio e vincitore del Premio John Fante, Zocca, Insula Romana e Massarosa 2009 - sarà tratto il film firmato da Fausto Brizzi e Marco Martani (autori, tra gli altri, di Ex e di Notte prima degli esami).

Estate del 1985, un paesino del Centro Italia. Sette amici inseparabili decidono di rapinare una banca. Hanno 12 anni e le idee molto chiare. Basta mettere il sonnifero nel caffè della guardia giurata - dice Billo, il capo - e diventiamo tutti ricchi! Non è convinto Ranacci, il bastian contrario del gruppo, spiccicato a suo padre, sindacalista di sani principi che non si vende mai; sarà per questo che vivono nella miseria più nera, pensa Corda; ma Corda è ricco - rimugina Gorilla - che ne sa lui!, suo padre è avvocato e gli compra tutto ciò che vuole, anche se ogni tanto, se appena si azzarda a rincasare con un minuto di ritardo, lo chiude a chiave nella “stanza del lumino” e ce lo tiene per ore, a chiedere perdono. È perplesso anche Cecconi, ma a tranquillizzare gli animi ci pensa come sempre Fostelli, con la sua voce da adulto che si fa ascoltare senza sforzo. Alla fine è d’accordo perfino Lonìca, e sì che non è mai stato un cuor di leone, lui, anche se da grande sogna di fare il pugile e prende lezioni alla palestra di Zio Botta. Sembra fatta, ma il brancaleonesco esordio “criminale” del gruppo è anticipato d’un soffio da una rapina vera, con banditi e pistole vere, che dà il primo brusco scossone all’ammorbante quiete estiva della cittadina. Ma è solo un assaggio, il primo lampo della tempesta destinata a scatenarsi quell’estate, già annunciata da un sussurro che corre sulla bocca di tutti, da una voce che si diffonde, un pensiero che trova sbocco in una frase di paura: il Messicano è tornato. Nessuno sa perché fosse sparito, anni prima, proprio quando, nemmeno ventenne, era già il re della città e ogni traffico più o meno illecito passava per le sue mani. La fantasia dei sette ragazzini e dell’intero paese si accende e trema al riapparire di questa figura leggendaria, sorta di Uomo Nero della cui esistenza i più giovani già iniziavano a dubitare, come fosse nient’altro che un sogno collettivo, un’evanescente presenza partorita dal folclore locale. In quella strana estate Billo, Corda, Gorilla e gli altri vengono travolti da un’inesorabile catena di eventi comici e tragici insieme, fino a guadagnare la soglia di un’adolescenza nuova e misteriosa, alla quale tutti dovranno cedere qualcosa.

Christian Frascella è nato nel 1973 a Torino, dove vive e lavora. Ex militare del Genio Ferrovieri, ex operaio di fabbrica, ex impiegato in un call center, è ora felice di potersi finalmente dedicare alla scrittura a tempo pieno. Sette piccoli sospetti è il suo secondo romanzo.

Christian Frascella, Sette piccoli sospetti, pp. 348, euro 17,50, 2010 Fazi Editore

Ultimi interventi

Vedi tutti