Questo sito contribuisce alla audience di

4 aprile 1997: entra in rotazione radiofonica il singolo "Il giorno di dolore che uno ha"

Quando tutte le parole sai che non ti servon più, quando sudi il tuo coraggio per non startene laggiù, quando tiri in mezzo Dio o il destino o chissà che, che nessuno se lo spiega perché sia successo[...]

Ligabue

Quando tutte le parole sai che non ti servon più,
quando sudi il tuo coraggio per non startene laggiù,
quando tiri in mezzo Dio o il destino o chissà che,
che nessuno se lo spiega perché sia successo a te.
Quando tira un pò di vento che ci si rialza un po’,
e la vita è un pò più forte del tuo dirle “grazie, no”.
Quando sembra tutto fermo, la tua ruota girerà.
Sopra il giorno di dolore che uno ha.
Quando indietro non si torna, quando l’hai capito che,
che la vita non è giusta come la vorresti te,
quando farsi una ragione vorrà dire vivere:
te l’han detto tutti quanti che per loro è facile.
Quando batte un po’ di sole dove ci contavi un po’,
e la vita è un pò più forte del tuo dirle “ancora no”.
Quando la ferita brucia la tua pelle si farà.
Sopra il giorno di dolore che uno ha.
Quando il cuore senza un pezzo il suo ritmo prenderà,
quando l’aria che fa il giro i tuoi polmoni beccherà,
quando questa merda intorno sempre merda resterà,
riconoscerai l’odore perché questa è la realtà.
Quando la tua sveglia suona e tu ti chiederai che or’è,
che la vita è sempre forte molto più che facile,
quando sposti appena il piede lì il tuo tempo crescerà.
Sopra il giorno di dolore che uno ha.

(Foto: http://media.athesiseditrice.it/media/2009/06/66437_71788_medium.jpg)