Questo sito contribuisce alla audience di

Arrivederci, Mostro: i perchè del titolo

Perchè “Arrivederci, mostro!”? “Ognuno di noi ha i propri mostri, i propri fantasmi - ha spiegato Ligabue -. Li si possono chiamare ossessioni, paure, condizionamenti, senso di[...]

LigabuePerchè “Arrivederci, mostro!”? “Ognuno di noi ha i propri mostri, i propri fantasmi - ha spiegato Ligabue -. Li si possono chiamare ossessioni, paure, condizionamenti, senso di inadeguatezza, aspettative e chissà in quali altri modi ancora. Sappiamo, però, che sono vivi e sono il filtro attraverso cui chiunque matura la propria personale visione del mondo. Credo di conoscere abbastanza bene i miei “mostri”, mi fanno compagnia da tanto tempo. Può darsi che sia anche per questa lunga frequentazione che ora mi sembrano meno “potenti” e “ingombranti”. Alcuni di loro li ho affrontati in questo album ma era solamente per far sapere loro che li stavo salutando. So benissimo che sarebbe fin troppo bello che fosse un saluto definitivo. Infatti non mi sono permesso di dire: “Addio, mostro!” ma un più prudente e realistico: “Arrivederci, mostro!”

(Foto: http://festival.blogosfere.it/images/ligabue09-thumb.jpg)