Questo sito contribuisce alla audience di

Caro il mio Francesco e i topi

“Bravi artisti, furbacchioni e topi”, recita il testo di “Caro il mio Francesco“, “il topo canta solo di quanto lui sia puro / e poi dà via la madre per stare sul giornale/[...]

Ligabue“Bravi artisti, furbacchioni e topi”, recita il testo di “Caro il mio Francesco“, “il topo canta solo di quanto lui sia puro / e poi dà via la madre per stare sul giornale/ ed è talmente puro che ti lancia merda soltanto per un titolo più largo”. Ligabue ce l’ha anche contro chi “senza neanche far finire un ritornello va su Internet a scrivere ‘la verità”. “Il mio disprezzo me lo tengo dentro - ha spiegato il cantante - il letamaio è colmo già pubblicamente, ma quei presunti puri mi possono baciare queste chiappe allegramente. Fare nomi significa avere titoli sui giornali: questi giochini li lascio fare ad altri. I topi sono quelli che si dichiarano puri ma in realtà per avere un minimo spazio infangano gli altri”.

(Foto: http://byfiles.storage.live.com/y1pYpBfNiNQ-qTiYFjDOeBUYMGrDQAcos3qkxuo-p8uQj6_EJqaH2CLQqrOJWD_42Ep)