Questo sito contribuisce alla audience di

La luna grande proganista della 23^ edizione della mostra "Dall'A alla Zucca"

Dal 7 al 15 novembre 2009 si terrà a Murta, frazione di Genova Bolzaneto, la 23a Mostra intitolata “Dall’A alla zucca”. Il tema di questa edizione è “Murta: le zucche e la[...]

zucche incorniciateDal 7 al 15 novembre 2009 si terrà a Murta, frazione di Genova Bolzaneto, la 23a Mostra intitolata “Dall’A alla zucca”. Il tema di questa edizione è “Murta: le zucche e la luna”, un vero e proprio omaggio alla luna, che ha sempre influenzato le coltivazioni e la crescita delle verdure, nel 40esimo anniversario dello sbarco dell’uomo sul suolo lunare.
Siamo a Murta, piccolo Borgo collinare situato nel Comune di Genova sulla sponda del Polcevera. Si raggiunge facilmente sia con i mezzi pubblici (stazione ferroviaria di Ge-Bolzaneto) che in automobile dal casello autostradale.
Il Borgo, che ha dato i natali a Giovanni da Murta ( secondo Doge di Genova) si trasforma, per l’occasione, in una festa dove le protagoniste saranno le zucche, sempre più belle, dalle forme più strane che saranno esposte in un bel contesto, circondate da fiori e piante, in un ambiente naturale. Per i buongustai sarà un’ottima occasione, infatti ci saranno stand gastronomici con svariate ricette: dalle torte dolci e salate, ai tortelli, marmellate e zuppe. Insomma ce n’è per tutti i gusti, un appuntamente unico per assaggiare i piatti dell’antica tradizione ligure, accompagnati dal vino novello 2009. . E che mostra sarebbe senza premi e riconoscimenti ?
Nel concorso verra’ premiata la zucca più grossa, la più lunga, la più strana e non mancheranno anche riconoscimenti un po’ bizzarri, come la zucca più fortunata.
Il riconoscimento più ambito, però, sarà quello della Zucca D’Oro che, per regolamento, sarà assegnato alla cucurbitacea il cui peso si avvicinerà maggiormente ai 23 Kg (con chiaro riferimento al 23^anno della mostra).
Per maggiori informazioni: Comitato Promotore Mostra al nr. 010-7408578
oppure visitare il sito murtaezucche.
Fonte fotografica: www.flickr.com