Questo sito contribuisce alla audience di

Le Cinqueterre e i suoi borghi marinari nel golfo dei poeti

Le cinqueterre rappresentano uno degli scenari liguri piu’ suggestivi, cinque paesi incorniciati da un mare cristallino, arroccati su promontori di roccia, divisi in piccole insenature. Grazie alla[...]

veduta delle cinqueterreLe cinqueterre rappresentano uno degli scenari liguri piu’ suggestivi, cinque paesi incorniciati da un mare cristallino, arroccati su promontori di roccia, divisi in piccole insenature.
Grazie alla loro posizione, le cinqueterre non hanno subito notevoli stravolgimenti da parte dell’uomo, ne tantomeno una invasiva edilizia abitativa.
Si contraddistinguono, oltre che per la bellezza incontaminata del mare, anche per i suoi tipici muretti a secco a strabiombo sul mare dove è fiorita una prosperosa viticoltura.
Chi arriva in questo paradiso perduto, deve pensare prima di tutto ad una sistemazione per l’auto, infatti i parcheggi presenti sono spesso riservati ai soli residenti. Una volta appiedati, si può partire per i sentieri che le collegano visitando i borghi, i santuari.

Le cinqueterre sono Parco Nazionale dal 1997 Patrimonio dell’umanità tutelato dall’Unesco, la bellezza del mare è preservata dall’Area Marina Naturale protetta, che ha lo scopo di conservarne l’habitat.

I borghi che compongono le cinqueterre sono:

MONTEROSSO, paese a ridosso di colline coltivate ad olivo e vite che offre scogliere a picco sul mare. La torre Aurora, sopra il colle di S. Cristoforo, separa il borgo medioevale dalla modernità delle nuove costruzioni comparse lungo la spiaggia. Bel panorama rappresentano anche i resti del castello a strapiombo sul mare.

VERNAZZA si sviluppa lungo il torrente Vernazzola, ora coperto, arroccata su uno sperone roccioso. Vanta un bel centro storico ricco di logge, porticati e ripidissime e strette vie che scendono fino ad una piazzetta di fronte al porticciolo.

CORNIGLIA, risalente all’epoca romana gode di una strepitosa vista dalla quale è possibile ammirare la bellezza degli altri quattro borghi delle cinqueterre.
Per arrivare a Corniglia, oltre alla strada naturalmente, si può percorrere una scalinata di ben 377 gradini denominata “Landarina”.
Questo, fra i borghi delle cinqueterre, è quello meno marinaro e più legato all’agricoltura.

Da MANAROLA, le cui origini sembrano risalire all’epoca romana, percorrendo la Via dell’Amore, raggiungiamo l’ultimo borgo delle cinqueterre, ossia RIOMAGGIORE.
E’ il piu’ orientale dei borghi, il primo che si incontra arrivando da La Spezia. Fu’ fondato nel VIII secolo dai profughi greci in fuga dalle persecuzioni di Leone III.

Durante tutto l’anno è possibile effettuare anche escursioni in battello alla scoperta, oltre che dei cinque borghi marinari, anche di Portovenere, l’isola Palmaria, l’isola di Tino, l’isola del Tinetto e la grotta di Byron nel Parco Naturale Regionale di Porto Venere.
Per maggiori informazioni è possibile contattare direttamente il “Consorzio Marittimo Turistico Cinqueterre - Golfo dei Poeti” al numero 0187-732987.

Per gli amanti del trekking le cinqueterre offrono suggestivi sentieri accompagnati da panorami mozzafiato a picco sul mare; organizzato dal Cai è doveroso segnalare il sentiero di costa che unisce i borghi in circa cinque ore di cammino e quello di crinale dei santuari, decisamente piu’ impegnativo.
Potete reperire informazioni sui sentieri del “Cai nelle cinqueterre” sul sito: le cinqueterre.

Fonte fotografica: www.flickr.com

cinqueterre

cinqueterre foto di Manarola foto di Manarola

veduta cinqueterre foto di Monterosso la via dell'amore

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • Profilo di Nostraliguria

    Nostraliguria

    26 Dec 2009 - 15:14 - #1
    0 punti
    Up Down

    IL PARCO NAZIONALE DELLE CINQUE TERRE E IL GOLFO DEI POETI
    «Tra Lerice e Turbia, la più deserta / la più rotta ruina è una scala / verso di quella, agevole e aperta » (Dante Alighieri, Divina Commedia, Purg. III,49-51). Aggrappati alla roccia, annidati in strette valli, tra baie, anfratti ed incantevoli spiaggette, si schiudono alla vista Riomaggiore, Manarola, Corniglia, Vernazza e Monterosso al mare. Questi cinque piccoli borghi marinari (il nome di “terra” nel medioevo indicava un paese) si trovano incastonati in uno dei più suggestivi tratti di costa italiani. Siamo nel cuore del Parco nazionale delle Cinque Terre, un paesaggio dove la natura selvaggia è stata “addomesticata” dall’uomo che nei secoli ha creato terrazzamenti destinati a coltura (le fasce). Dal 1997 le Cinque Terre fanno parte del patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. Punto di partenza ideale per raggiungere le Cinque Terre è La Spezia: regolari servizi marittimi o frequenti collegamenti ferroviari consentono l’accesso a Riomaggiore. Da qui si raggiunge agevolmente a piedi Manarola, tramite la Via dell’Amore, un sentiero scavato nella roccia tra i più celebri d’Italia. L’itinerario di visita al Parco delle Cinque Terre puó svolgersi alternando sentieri a tratti in battello o in ferrovia. L’isola Palmaria, Lerici, Portovenere, sono graziose mete per altre escursioni nel Golfo dei Poeti.