Questo sito contribuisce alla audience di

Il Borgo di Toirano

Poco lontano da Boissano, attraverso la strada che li collega, raggiungiamo il Comune di Toirano, situato sulla sponda destra del torrente Varatella e dominato da San Pietro dei monti, alto 891[...]

toiranoPoco lontano da Boissano, attraverso la strada che li collega, raggiungiamo il Comune di Toirano, situato sulla sponda destra del torrente Varatella e dominato da San Pietro dei monti, alto 891 metri.

Toirano è stato insignito nel 2007 del prestigioso riconoscimento della Bandiera Arancione del Touring Club Italiano.

Toirano si basa soprattutto sull’edilizia abitativa e sulle attività agricole, fra le quali la coltivazione della vite e dell’ulivo. Oltre a ciò vi è anche l’attività estrattiva della cava e la coltivazione delle piante aromatiche e della frutta.

STORIA
Questa località fu probabilmente abitata in epoca romana. Successivamente entrò nei possedimenti Bizantini, infatti ci sono le traccie dell’antico “Turacco”, che in dialetto ligure significa torre, presidio bizantino posto alla confluenza del torrente Barescione con il torrente Varatella.
Nel Medioevo fu posto sotto il dominio dei vescovi di Albenga e successivamente entrò a far parte della Repubblica di Genova, dopo una contesa con il Marchesato di Finale Ligure.

IL BORGO
Nel Medioevo Toirano era racchiuso dalle mura e presentava cinque porte di accesso, tre rimaste fino ai giorni nostri.
Portassa: era l’ingresso principale al Borgo, fu demolita nel dopoguerra.
Porta della Via dei Consoli: restano le pietre quadrate di sostegno e l’arco ricostruito nel XVII secolo.
Porta dei Fossi: resta solo l’arco originario.
Porta delle Giaire: conserva ancora oggi le fattezze originarie con un arco a sesto acuto di pietra squadrata.
Porta Nord: era accanto all’Oratorio di San Giuseppe, oggi non è più rintracciabile.

DA VISITARE
Il Borgo si presenta in discreto stato di mantenimento, con l’antica cinta muraria ed alcuni torrioni che compongono le antiche borgate “Dari”, “Crociata”, “Barescione”, Braida”.
Da visitare la Chiesa di San Martino di Tours, risalente al XVII secolo in stile romanico. Anche la Chiesa del Rosario, di epoca seicentesca, merita sicuramente una visita, insieme al Monastero di San Pietro dei Monti al cui interno è presente un affresco primitivo.
Il Santuario di Santa Lucia si trova vicino alle grotte ed è collegata ad esse tramite la grotta omonima. Rappresenta motivo di pellegrinaggio per la consueta processione annuale.
La Certosa dei Certosini, risalente al 1495 fu costruito dai monaci del monastero di San Pietro dei Monti. Oggi si trova in stato di semi abbandono.
Le grotte rappresentano il punto forte di Toirano, dando una fonte inesauribile di guadagno al comune tramite il turismo.
Il Ponte Mediovale: antico ponte del trecento, costituito da tre arcate a tutto sesto sostenute da pilastri di pietra squadrata.
La Torre Campanaria: costruita in stile gotico presenta due piani di finestre a trifora ed anticamente era molto più alta. Probabilmente la demolizione dei piani sovrastanti avvenne nel XVII secolo.
Il Museo Etnografico della Val Varatella: Al suo interno sono documentate le attività agricole della zona.

EVENTI
La festa più tipica di Toirano è sicuramente rappresentata dalla “Festa dei gunbi

Fonte fotografica: www.flickr.com