Questo sito contribuisce alla audience di

Riva Trigoso: cenni storici, il cantiere navale e le curiosità

< strong>Riva Trigoso è una frazione di comune in provincia di La Spezia, formato da due parti ben distinte. La parte interna è la più antica e si chiama Trigoso, mentre Riva si affaccia sul litorale a[...]

< riva trigosostrong>Riva Trigoso è una frazione di comune in provincia di La Spezia, formato da due parti ben distinte. La parte interna è la più antica e si chiama Trigoso, mentre Riva si affaccia sul litorale a ridosso del suo comune, Sestri Levante.
Il Golfo è delimitato ad ovest da Punta Manara e ad est da Punta Baffe. Il torrente Petronio, spesso in secca, divide le due parti della cittadina e sfocia nel Golfo.

Riva Trigoso è caratterizzata dall’ampia passeggiata a mare che costeggia la spiaggia e il cantiere navale della Fincantieri, uno dei maggiori e antichi cantieri navali Italiani. Nacque nel lontano 1897 e a tutt’oggi è ancora in forte attività per la costruzione di imbarcazioni civili e militari. Nel 2004 venne varata la prima portaaerei della Marina Militare Italiana, utilizzando ancora il sistema dello scivolo in acqua, molto spettacolare. Nel cantiere di Riva Trigoso sono state varate numerose navi di grandi dimensioni, fra cui fregate e traghetti.

Di interesse architettonico la Chiesa di San Pietro con il nuovo mosaico sul piazzale e nuovi portoni in bronzo. All’interno possiamo ammirare un bellissimo organo del 1896.

FESTE
In occasione della celebrazione della Festa della Madonna del buon Viaggio, si svolge una messa sul mare molto folkloristica con un finale di lumini posati sul mare.
A ferragosto si svolge una processione storica con dei grossi crocefissi portati a spalla e la serata si conclude con uno spettacolo di fuochi d’artificio sulla spiaggia.
A luglio, invece, c’è l’appuntamento con la famosa sagra del Bagnun, piatto tipico a base di acciughe, ormai diventato una tradizione.

CURIOSITA
Nei fondali antistanti alla spiaggia di Riva Trigoso è presente un presepe subacqueo, visitabile tutto l’anno con una semplice maschera. Le statue, cinque in tutto, sono in bronzo e raffigurano la natività con due delfini posti al posto del bue e dell’asinello. Le statue, porte a 12 metri di profondità, sono state create dallo scultore Pietro Luigi Ravecca di La Spezia e portate sul luogo da un bastimento di cemento pesante oltre 5 tonnellate.

ESCURSIONI
Per gli amanti dell’arrampicata, da non perdere l’itinerario che percorre la Falesia di Riva Trigoso.
Per informazioni, visitate il sito gulliver.it

Fonte fotografica: www.flickr.com