Questo sito contribuisce alla audience di

Il Faro di Capo Mele sul litorale del ponente ligure

Il Faro di Capo Mele, non visitabile internamente, si trova sul promontorio di Capo Mele, a metà strada fra Laigueglia e Andora, sul litorale ligure di Ponente in provincia di Savona. Il promontorio sul[...]

Faro di Capo Mele
Il Faro di Capo Mele, non visitabile internamente, si trova sul promontorio di Capo Mele, a metà strada fra Laigueglia e Andora, sul litorale ligure di Ponente in provincia di Savona.
Il promontorio sul quale sorge il Faro è un territorio roccioso, anticamente denominato “Capo della Mole” per via di alcuni mulini a vento che si trovavano nelle vicinanze. Successivamente venne soprannominato “Capo delle Melle” ed infine “Capo delle Mele”. Sulla cima del promontorio, a circa 220 metri di altitudine, si trova la stazione meteorologica di Capo Mele.

Il Faro è costituito da una pianta circolare in muratura. La torre ha un’altezza di 25 metri e porta in cima la lanterna originale dodecagonale a tre corsi di vetri piani, raggiungibile tramite una scala esterna. Al Faro è attaccato ad una costruzione, sempre in muratura, di tre piani. Attualmente il Faro di Capo Mele è gestito dal Comando di Zona Fari della Marina Militare, che ha sede a La Spezia.

Le opere di costruzione del Faro furono effettuate e terminate nel 1856 da parte del Genio Civile, sotto il Regno di Piemonte e Sardegna. Nel corso dei secoli la sua architettura è rimasta pressochè invariata, tranne che per la colorazione esterna dell’intonaco. La sua bella lanterna ha funzionato a luce fissa alimentata a petrolio fino al 1909, poi si è passati ad una alimentazione con acetilene. Nel 1911 venne applicato l’impianto a vapori di petrolio con un gruppo di tre luci ed infine, nel 1936, è stato installato un impianto ad acetilene disciolto. Finalmente nel 1949 ha avuto la classificazione di Faro aeromarittimo, grazie alle opere di impianto di energia elettrica. Nel 1977 vennero installate sorgenti luminose a lampade alogene.

Fonte fotografica: www.flickr.com