Questo sito contribuisce alla audience di

La Bandiera Arancione di Pignone nello Spezzino

Anche Pignone, piccolo centro agricolo della provincia di La Spezia, ha ricevuto il marchio di qualità turistico ambientale per l’entroterra insignito nel 2009 dal Touring Club Italiano,[...]

Pignone
Anche Pignone, piccolo centro agricolo della provincia di La Spezia, ha ricevuto il marchio di qualità turistico ambientale per l’entroterra insignito nel 2009 dal Touring Club Italiano, riconoscimento maggiormente noto come Bandiera Arancione.

Ci troviamo nella Comunità Montana della Val Vara e Parco naturale regionale Montemarcello-Magra. Il piccolo Borgo basa la sua economia principalmente sulla coltivazione e produzione di olio di oliva, vino e formaggi.

La storia di Pignone sembra iniziare da molto lontano, visti i ritrovamenti archeologici sul colle Castellaro che riferiscono di un’antica popolazione risalente all’età del Bronzo e del Ferro. Questo sito archeologico è rientrato nelle aree di tutela ambientale per il suo interesse comunitario.

Durante i secoli Pignone passò sotto il dominio della famiglia Malaspina, della Repubblica di Genova e della famiglia Fieschi. Nel 1276 tornò sotto la Repubblica di Genova e divenne podesteria, per poi essere invaso dalle truppe di Napoleone Bonaparte. Successivamente, seguendo il destino di molti altri paesi liguri, verrà conglobato nel Regno di Sardegna e poi nel Regno d’Italia.

Di notevole interesse gli affreschi del XVII e XVIII secolo custoditi all’interno della Chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta. Merita una visita anche il Santuario della Madonna del Buon Consiglio. A Pignone è presente anche un bel Ponte cinquecentesco, chiamato Ponte Vecchio, con originario basamento medievale e la loggia risalente al ‘300. Di importante rilevanza anche le Grotte carsiche, composte da una gran varietà di organismi vegetali, come felci, muschi e lichen, nonchè piante arbustifere che regalano un interessante percorso botanico al sito.

Fra le occasioni per un giro escursionistico abbiamo la possibilità di scegliere fra otto distinti itinerari:

Giro del Borgo di Pignone
Al Castellao
Al Prato di corno
Al Rifugio Mulino Calzetta
Bivio di Crocettola
Alla Cappelletta
Alla Foce S.Antonio
Alla Foce del Bardellone

Per maggiori informazioni sulla tipologia dei percorsi è possibile documentarsi direttamente del sito Ufficiale del Comune di Pignone.

Pignone è noto per la coltivazione delle patate, cipolle e fagioli. Durante la mostra mercato estiva è possibile assaggiare i prodotti tipici di questa terra e le specialità culinarie, come la polenta con il cavolo, i ravioli fatti in casa e la salsiccia.