Questo sito contribuisce alla audience di

Torriglia: la storia, le manifestazioni e gli avvistamenti di Ufo

Il Comune di Torriglia si erge nell’alta Val Trebbia in posizione collinare e il suo territorio è ricco di boschi e pascoli con una grande varietà di flora e fauna. Questi aspetti rendono[...]

torriglia
Il Comune di Torriglia si erge nell’alta Val Trebbia in posizione collinare e il suo territorio è ricco di boschi e pascoli con una grande varietà di flora e fauna. Questi aspetti rendono Torriglia, soprattutto nel periodo primaverile ed estivo, una meta di vacanza ideale per molte famiglie. Il territorio fa parte del Parco naturale regionale dell’Antola.

Le origini del Borgo risalgono probabilmente all’epoca romana. Intorno all’anno 1000 fu proprietà dell’Abbazia di San Colombano e, successivamente, passò sotto il dominio dei Malaspina e intorno al XIII secolo sotto ai possedimenti della famiglia dei Fieschi, i quali fecero erigere il Castello a difesa del Borgo.

Successivamente il Borgo venne investito dalle estenuanti lotte fra le fazioni ghuelfe e ghibelline, che portarono alla reazione di Genova che assalì ed espugnò il castello. In seguito Torriglia divenne feudo della famiglia Doria che lo nominaro marchesato ed infine principato fino al 1797, epoca dell’invasione delle truppe di Napoleone Bonaparte.

Oggi Torriglia è un comune che basa la sua economia sull’attività agricola, l’allevamento del bestiame e l’attività commerciale e turistica.
Torriglia è sinonimo di mistero. E’ stata definita da alcuni come la Capitale degli Ufo per via dei numerosi casi di avvistamento degli anni settanta. Il racconto, in particolare, di quanto accaduto a Fortunato Zanfretta, è molto suggestivo.
Ogni anno si svolgono diverse manifestazione e feste:
Sagra del Miele, si svolge nel mese di settembre con esposizione dei prodotti dell’apicoltura del produttore locale;
La Castagnata, organizzata dagli Alpini (ottobre);
La Festa del Canestrelletto di Torriglia (maggio);
Presepe: durante il periodo natalizio la frazione di Pentema si trasforma in un grande presepe a grandezza naturale, ambientato a fine XIX secolo con costumi d’epoca.