Questo sito contribuisce alla audience di

Il Castello di Portovenere

Ci troviamo nel Golfo dei Poeti, in provincia di La Spezia nello spettacolare territorio del comune di Porto Venere all’interno del Parco Naturale Regionale di Portovenere. Fra le bellezze naturali[...]


Ci troviamo nel Golfo dei Poeti, in provincia di La Spezia nello spettacolare territorio del comune di Porto Venere all’interno del Parco Naturale Regionale di Portovenere. Fra le bellezze naturali che circondano il territorio, oltre all’Isola Palmaria e le isole minori Tino e Tinetto, incontriamo una delle più spettacolari e imponenti strutture militari dell’antica Repubblica di Genova.

Il Castello di Portovenere si trova su un promontorio roccioso a pieno dominio del Borgo marinaro.
Di forma pentagonale, il Castello dispone di tre bastioni rivolti a valle e di un possente torrione circolare rivolto a monte. Dove anticamente sorgeva il ponte levatoio oggi restano i segni lasciati dalle sedi dei tiranti e l’ingresso avviene tramite un maestoso portone.
All’interno incontriamo un corridoio voltato che ci porta nella Sala ipostila con il soffitto sostenuto da colonne. Al di sopra vi è la casa del castellano.
La data certa di edificazione dell’antica fortezza militare non è certa, le prime notizie che riguardano il Castello risalgono al dominio di Portovenere da parte dell’allora Repubblica di Genova, che ne fece un punto nevralgico per la difesa del territorio dalla Repubblica di Pisa.
La primaria costruzione sorgeva adiacente alla Chiesa di San Pietro, ma nel 1161 una nuova costruzione militare interessò la zona più a monte che garantiva una posizione più strategica per gli avvistamenti nemici. Le distinte strutture militari ebbero nel tempo castellani differenti. Il Castello attraversò, durante il XIII secolo, periodi conflittuali dovuti alle rivalità fra le Repubblice di Genova e di Pisa che si disputavano la conquista delle terre circostanti.
Durante questo periodo entrerà nei possedimenti della famiglia Fieschi, per poi tornare nel 1276 sotto il dominio della Repubblica di Genova.

Durante il XV secolo, allo scopo di rimodernare la struttura militare e renderla confacente alle nuove architetture dell’epoca, il Castello venne praticamente demolito e ricostruito ex-novo.
All’inizio del XIX secolo, nel periodo di dominazione francese, il maniero venne utilizzato quale carcere. Ai giorni nostri, il Castello è divenuto sede di mostre d’arte e varie manifestazione del comune di Portovenere.

Fonte fotografica e crediti: www.flickr.com/photos/misterysnake