Questo sito contribuisce alla audience di

Parco Naturale Regionale di Porto Venere

Il territorio occidentale del Golfo della Spezia è compreso nel Parco Naturale Regionale di Porto Venere. Quest’ultimo ingloba il promontorio omonimo, le isole Palmaria, Tino e Tinetto e[...]

Portovenere
Il territorio occidentale del Golfo della Spezia è compreso nel Parco Naturale Regionale di Porto Venere. Quest’ultimo ingloba il promontorio omonimo, le isole Palmaria, Tino e Tinetto e l’Area di Tutela Marina per un territorio complessivo di circa 400 ha. Tutto il territorio compreso nel Parco Naturale Regionale di Porto Venere è stato classificato in tre diverse zone, chiamate Siti di Importanza Comunitaria con lo scopo di salvaguardare la biodiversità e la conservazione degli habitat naturali a tutto vantaggio della flora e della fauna.

Il territorio è caratterizzato da una rigogliosa macchia mediterranea che abbraccia boschi di lecceti, pinete di Pino d’Aleppio, pino marittimo, oltre alle Rovelle.

Fra la fauna del Parco Naturale Regionale di Porto Venere troviamo lo Scoiattolo rosso, il Tarantolino, il Tasso, la Lucertola campestre e muraiola, il Biacco, il Colubro di riccioli, la Farfalla del corbezzolo, il Geco comune e il Geco verrucoso, il Geotritone, il Ramarro, il Macaone, l’Orecchione comune, la Raganella, il Riccio, il Rinolfo maggiore e minore, il Rospo comune, il Saettone, il Tritone alpino e la Volpe rossa.

Per gli amanti del trekking il Monte Muzzerone offre una delle palestre di roccia più apprezzate di tutta Europa, sia per la qualità delle rocce che per lo scenografico incontro fra le numerose falesie e il blù incontaminato del mare.

Il territorio del Parco Naturale Regionale di Porto Venere offre, agli amanti del mare, uno scenario sommerso unico racchiuso nell’Area di Tutela Marina che si estende nelle acque sud occidentali dell’Isola Palmaria, le isole del Tino e Tinetto. Il canale acquatico che separa Porto Venere dall’Isola Palmaria ospita una bellissima prateria di Poseidonia, che oltre alla bellezza offre riparo alle coste dal pericolo dell’erosione marina. Fra le sue foglie, inoltre, trovavo habitat e protezione un’infinità di vita marina, fra cui boghe, ricci, labridi, alghe, cavallucci marini e stelle marine.
L’ambiente marino è caratterizzato da grotte, secche, falesie a picco sul mare che permettono l’incontro con svariati organismi, fra cui le gorgonie. Di particolare bellezza la grotta del Tinetto, che offre al visitatore un particolare gioco di luce, la grotta di Byron e la grotta Azzurra.

Fonte fotografica e crediti: www.flickr.com/photos/proust2000