Questo sito contribuisce alla audience di

Marco Carta duetta coi Tazenda

Il cantante cagliaritano regala ai Sardi (e non solo) un'emozione unica e irripetibile duettando in Lingua Sarda coi Tazenda.

Un’emozione unica per tutti i Sardi, e non solo, quella che Marco Carta e i Tazenda hanno regalato venerdì dal palco del teatro Ariston di Sanremo.

Un’onda emotiva che inizia col suono campionato delle launeddas, che continua coi quattro che cantano in Lingua Sarda e raggiungono il culmine con l’assolo di Marco Carta, sempre in sardo.

E allora La forza mia diventa Sa fortza mea

Ojos aperidos, tue ‘alu innoe
una fentana in custu sole
e s’emossione est un’ispantu in sa note
tue innanti a mie

ojos aperidos tue ‘alu innoe
skidadas manos in sas manos
carìnnios plenos de abba
deo meda sididu soe…

Ojos aperidos tue ‘alu innoe
preande sut”e una temporada

intendo como mi mancat s’alenu
sos ojos lukende sos meos…

Tue ses sa fortza mea
meu crasa, mea istrada
sole i abba, fogos mannos
de sa vida mea!

Marco Carta e i Tazenda si conoscono e la loro alchimia è perfetta: la freschezza del giovane cantante cagliaritano e la tradizione dell’etno-pop-rock made in Sardinia non possono non essere una miscela esplosiva.

La forza di Marco Carta è anche questa: avere una personalità tale da permettergli di cantare in Lingua Sarda sul palco di Sanremo alla sua prima partecipazione.

Rispetto per Marco Carta e per i Tazenda.