Questo sito contribuisce alla audience di

L'autunno nei versi di Montanaru

S'atonzu, la stagione autunnale in alcuni dei componimenti di Antioco Casula Montanaru

Domu de Montanaru Atòngiu o Atonzu, l’autunno è un momento particolare nel calendario sardo e i poeti spesso lo hanno utilizzato nei loro versi, per esprimere le suggestioni più profonde che questa stagione trasmette.

Quella autunnale è la stagione de sa binnenna, la vendemmia, ma anche dell’inizio de sa laurera, cioè dei lavori agricoli e di quelli legati alla pastorizia.

Non è un caso che il primo mese dell’anno in Sardegna fosse Settembre che in Lingua Sarda si chiama Cabudanni o Cabudanne, cioè Caput anni.

Anche Antioco Casula Montanaru ha dedicato all’autunno alcuni versi molto intensi e ne ha utilizzato la sua forza immaginifica per esprimere stati d’animo.

Come in quel suo grido giovanile intitolato A tie, Barbagia mia! nel quale chiama la gente della sua terra a lasciare da parte gli odi fratricidi che portano distruzione, sangue e violenza, e dove le donne vengono dipinte come contenitrici di dolori e di lacrime così come la terra custodisce le abbondanti piogge autunnali:

E i sas femminas nostras iscuras guardianas,
Ch’in sas domos bos rezzin cun grazias galanas,
Cantu piantu han suttu e dolu han costoidu
Che terra chi sas abas d’atonzu s’hat chistidu.

L’autunno porta le prime piogge, fa rinascere la terra ma a volte può anche essere un pericolo per gli agricoltori e i pastori. Questo aspetto è messo in evidenza in A su inu, un componimento dedicato al vino della propria vigna che permette di attraversare le brutte stagioni dell’anno e della vita:

Ca sos amigos tenent cussas trassas.
Pusti chi bùffant narant: adiosu!…
E olvidan s’amigu e i sas tassas
De su inu lughente e generosu.
Ma deo amento sos seros passados
Cun tue inu. Tristu e minettosu
S’atonzu enzeit. Sos campos arados
A friscu a friscu fint che campusantos
E sos buscos de irde fin privados.

Una tristezza non troppo velata che emergerà in alcuni componimenti della maturità. Come i Fiores d’atonzu, già tristi la sera, deboli come i bambini nati malati che non sanno cosa significhi la bellezza dell’esser nati sani. Fiori d’autunno nati senza profumo nella stagione triste che il poeta desulese paragona ai suoi ultimi versi che non sono più il frutto di un animo ricco di speranze primaverili ma di un’anima ormai in pena:

Fiores d’atonzu apertos a manzanu
e a su sero tristos e frunzidos,
che pizzinnos malaidos naschidos,
chi no ischin su bell’istare sanu.

Eo bos miro sutta sas cresuras
pienas de fozas siccas, tra su ludu
de sa prim’aba. A bois non saludu
de puzzones nè ateras dulzuras

De s’aera grae, fritta e neulosa.
Sezis nàschidos gai senz’odore
in sa trista istagione senz’amore,
pro una breve vida dolorosa.

A bois assimìzo custos cantos
mios ultimos. Miseros isfogos
de s’anima penosa, senza giogos
senz’isperos gentiles, senz’incantos.

Sos soles mannos de sa primavera
isparidos pro sempre! Sutta s’aba
de atonzu, tind’andas vid’igraba,
tra sas nues nieddas de sa sera.