Questo sito contribuisce alla audience di

Antonio Cano 1400 - 1470

L'autore di Sa Vitta et sa Morte, et Passione de sanctu Gavinu, Prothu et Januariu, la prima opera scritta della Letteratura Sarda.

Antonio Cano Antonio Cano ha un posto di particolare importanza all’interno della Storia della Letteratura in Lingua Sarda. Si tratta infatti dell’autore della prima opera scritta in sardo pervenutaci sino ad oggi.

Egli nacque a Sassari, probabilmente verso il 1400, e morì nel centro turritano tra il 1470 e il 1480. Sappiamo che fu Rettore di Giave, Abate dell’Abbazia di Nostra Signora di Saccargia e che fu Vescovo di Bisarcio. Ma a parte qualche altra informazione circa gli incarichi religiosi che ricoprì, non conosciamo molto della sua vita.

Comunque, secondo gli studiosi, Antonio Cano è l’autore di Sa Vitta et sa Morte, et Passione de sanctu Gavinu, Prothu et Januariu, opera che compose nel 1437 ma che venne pubblicata solo in seguita alla sua morte, esattamente nel 1557.

E’ un poema religioso che narra le vicende dei tre martiri turritani Gavino, Proto e Gianuario, riprendendo così il topos letterario detto agiografico diffuso in tutta l’Europa cristiana già dal Medioevo.

L’opera del Cano è importante perché segna l’inizio della Letteratura Sarda scritta, ma anche perché costituisce un documento di inestimabile valore in quanto si tratta di un poema che probabilmente veniva recitato e cantato oralmente e quindi conferma quel legame strettissimo tra la poesia orale e la letteratura scritta.

L’opera venne ristampata nel 1912 a cura di Max Leopold Wagner e vide un’altra ristampa nel 1976 grazie a Franceso Alziator. Nel 2002 ne è stata realizzata una nuova edizione a cura di Dino Manca per il Centro Studi Filologici Sardi.

Ecco l’articolo in Lingua Sarda:

Antoni Canu 1400-1470
Sa Vitta et sa Morte, et Passione de sanctu Gavinu, Prothu et Januariu: de su 1437 sa primu òpera literària in lìngua sarda.

Antoni Canu fìat nàsciu in Tàtari prus o mancu in su 1400 e fìat mortu prus o mancu in s’annu 1470. De sa vida sua ndi scieus pagu diarerus. De is dogumentus antigus ndi bessit a fora ki est stètiu arretori de Jabe, abati de s’abatzia de Nostra Sinniora de Sacàrgia i a pustis, in su mes”i Argiolas (Trèulas) de su 1436, du ìanta fatu obispu. Scieus ki du ìanta mandau a Tàtari po pigai su postu de Perdu Spanu e ki du ìanta nominau arciobispu.

In su 1437 ìat scritu s’òpera prus antiga in lìngua sarda ki conosceus oindì: Sa Vitta et sa Morte, et Passione de sanctu Gavinu, Prothu et Januariu (ki anti imprentau in su 1557 candu s’arcibiospu fìat mortu giai.)

Est unu poema ki kistiònat de is vidas de is tres màrtiris turritanus Gavinu, Protu e Januàriu. Candu Antoni Canu scriìt su poema, funti passaus prus de milli annus de su martìriu de is tres santus, ma po s’arreligiosu tataresu s’esempru insoru depìat abarrai bivu ke “modellu” de vida po totu is cristianus de “bona fidi”.

Antoni Canu sighit unu “topos” literàriu ki fìat connotu e spainau meda in totu s’Europa cristiana: su ki di nanta “agiogràfigu”. De su XI sègulu giai is mònagus benedetinus o vitorinus lòmpius in Sardìnnia arregollìanta is istòrias de is vidas de is santus sardus. E is monastèrius s’ant allogau biografias o “vitae” scritas in latinu cument’e a sa de santu Jorgi de Suelli o sa Passio de sant’Antiogu, stòrias antigas ki faìanta parti de su connotu curtarali de is sardus.

E-i s’obra de s’òmini arreligiosu tataresu tòrrat a pigai custu connotu poètigu ki fiat pruscatotu orali. Obras ke-i custa fìant umperadas cument’e “dutrina” (categhismu) de is paras e de is fradis po sa comunidadi de is credentis, e-i duncas tenìant unu grandu valori pedagògigu. Su poema esti scritu a dìstigus de versus “dòpius senàrius” ki no sìghinti custa mètriga po totu s’obra, e-i duncas podeus nai ki funti “anisosillàbigus”.

Per saperne di più / Pro nd’ischire de piùs:
Antonio Cano - Filologia Sarda