Questo sito contribuisce alla audience di

I primi documenti dei giudicati di Arborea e Gallura

Intorno all'anno Mille tutte e quattro le Cancellerie dei Giudicati producevano documenti ufficiali in Lingua Sarda.

documenti giudicati Intorno all’anno Mille la Sardegna era divisa in quattro stati indipendenti le cui Cancellerie producevano documenti ufficiali in Lingua Sarda.

Il primo documento del Giudicato di Cagliari è una pergamena o Carta Bullata composta nel 1070 dalla Cancelleria durante il regno di Torchitorio de Lacon-Gunale ed è scritta in Lingua Sarda Campidanese.

Molto importante è anche la cosiddetta Carta in Lingua Sarda in caratteri greci del 1089 conservata presso l’Archivio Dipartimentale di Marsiglia.

Per quanto riguarda il Giudicato di Torres, il documento più antico conservato è il Privilegio Logudorese del 1080 circa conservato presso l’Archivio di Stato di Pisa.

Ma anche gli altri due giudicati producevano nel Medioevo dei documenti simili a quelli delle Cancellerie di Cagliari e Torres. Negli archivi infatti sono conservate delle testimonianze scritte di questo genere che risalgono grossomodo al XII secolo.

Per quanto riguarda al Giudicato di Gallura, il documento più antico è una Carta che attesta una donazione da parte del Iudike Gostantine de Laccon ad un ordine religioso e si chiude, come da tradizione, con le maledizioni rivolte a coloro i quali si sarebbero permessi di infrangere la disposizione giudicale.

Ma anche per il Giudicato di Arborea esiste una pergamena del 1102 realizzata dalla Cancelleria del regno per regolare uno scambio. Si tratta di una Carta scritta da un presbitero di Nuraxinieddu:

Ego iudice Torbini de Lacon, potestando parte de Arbarea cun donna Ana de Zori e regina, coiube mia, facemus ista carta a Gostantine d Orrubu fratile meu….. et d ego presbiteru Mariani de Nuracinigellu iscrisi ista carta atitandomi su donnu meu cun buca sua in Aristanis…. abeat benedizione de Deus e de omnis Sanctos.

Ecco l’articolo in Lingua Sarda

Is primus dogumentus de is Rennus de Arbaree e de Gaddura
De s’annu Milli giai is cuatru Rennus sardus tenìant una Scrivania statali e bogànta dogumentus pùbrigus.

Podeus nai ki in faci a s’annu Milli totu-e is cuatru judigaus ìant apariciau sa primu Scrivania istatali ki donàt balori pùbrigu i ofitziali a is àutus de sa Corona de Logu (ki fìat ke s’òrganu de governu) i a is àutus privaus.

Nci depìant essi unu o prus iscrivanus ki acumpangiànta su jugi e sa corti a giru po totu su logu de su Rennu. A pagu a pagu de una strutura simpli nd’incumèntzat a bessiri una prus cumpria ki no tenìat nudda de mancu de is atras Cancellerias continentalis.

Eus biu giai is primus dogumentus de is Rennus de Calari e de Logudoru. Ma de is atrus duus Judigaus sardus puru, su de Gaddura e su de Arborea, teneus unus cant”e Cartas Bulladas antigas.

Is primu Cartas ki connosceus bessias de sa Scrivania de su Judicau de Gaddura assimbìllant a is atras de su connotu cancellerìstigu sardu. Sa prus antiga esti de su de XII sègulus e incumèntzat cun-d una “invocatio” a Deus, sighia de sa “intonatio” in sardu “Ego Iudike Gostantine de Laccon rex…” e sighia ancoras de su “corpus” de su dogumentu ki s’arreferrit a una donatzioni de su Rennu a un’assòtzi’ arrelijosu.

Su “corpus” de sa Carta acàbat cun “is frastimus” promìtius a is ki no ant’arrespetai su ki esti scritu in su dogumentu ca esti sa boluntadi de su jugi. Custa Carta puru tenit unu sigillu pendi pendi de prumu ki pòrtat de una parti sa cara de su jugi e de s’atra sa scrita “rex Gallure”.

De su judigau de Arbaree teneus una pergamena de s’annu 1102 ki arrègulat unu cuntratu po sa cuncàmbida de unu cuaddu cun-d una terrenu, intr”e su jugi Torbinu de Lacon-Zori e su fraili suu Costantinu di Orrubu.

Custa Carta Bullada scrita de unu presbìteru de Nuraxinieddu incumèntzat cun-d una invocatzioni e acàbat cun s’agùriu de una benedissioni de Deus e de is Santus, e cun is frastimus po is ki no ant’arrespetai custu cuntratu:

Ego iudice Torbini de Lacon, potestando parte de Arbarea cun donna Ana de Zori e regina, coiube mia, facemus ista carta a Gostantine d Orrubu fratile meu….. et d ego presbiteru Mariani de Nuracinigellu iscrisi ista carta atitandomi su donnu meu cun buca sua in Aristanis…. abeat benedizione de Deus e de omnis Sanctos.

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • usai giorgio

    17 Dec 2010 - 11:02 - #1
    0 punti
    Up Down

    gentile amico: ho necessita’ di conoscere almeno qualche traccia dell’indagine svolta da mommsen e coll. per dimostrare la falsita’ delle “pergamene” di arborea apparse a cagliari negli anni ‘40 del XIX secolo. devo tenere una conferenza a barcellona nel prossimo gennaio 2011. grazie,a presto. g.usai.

  • Denise

    17 Jan 2011 - 16:37 - #2
    0 punti
    Up Down

    Di arborea non so tanto ma di tutti gli altri si il re quando faceva qual cosa di sbagliato lo ammazzavano