Questo sito contribuisce alla audience di

Il Tabarkino

Il tabarchino è riconosciuto come lingua minoritaria dalla Regione Sardegna.

tabarchino Il tabarchino odierno è una variante originale del Ligure. Oggi viene considerata una variante linguistica autonoma all’interno del più ampio sistema linguistico ligure in quanto nel tempo ha subito diverse modificazioni di carattere fonetico e lessicale.

Ma le radici linguistiche liguri rimangono ben evidenti anche nella parlata odierna che infatti viene inserita dagli studiosi tra i dialetti liguri coloniali, come il Bunifazzin o variante linguistica di Bonifacio in Corsica e il Munegascu del Principato di Monaco.

Nel sec. XVI una comunità ligure si trasferì sull’isola di Tabarca in Tunisia. Per diversi motivi fu costretta ad abbbandonare l’isola tunisina e a trapiantarsi nella parte sud occidentale della Sardegna e nell’isola di Nueva Tabarca presso Alicante.

Mentre in Sardegna la comunità tabarchina ha continuato ad esistere come comunità linguistica attiva, in Spagna essa è invece scomparsa.

In Sardegna il tabarchino è parlato nei comuni di Carloforte (L’Uîza) e Calasetta (Câdesedda), rispettivamente sulle isole di San Pietro (San Pê) e Sant’Antioco (Sant’Antiócu).

Il tabarchino è espressamente riconosciuto come lingua minoritaria all’interno della Regione Sardegna in base alla legge regionale n. 26 del 15 ottobre 1997.

Nel presentare il libro Grammatica del tabarchino del linguista e dialettologo dell’Università di Sassari Fiorenzo Toso, massimo esperto e profondo conoscitore della Lingua Ligure e delle parlate dialettali ad essa associate, Nicolò Capriata ha scritto:

“Il tabarchino è la lingua parlata in Sardegna nell’arcipelago del Sulcis presso le comunità di Carloforte (isola di San Pietro) e di Calasetta (isola di Sant’Antioco), che contano complessivamente circa 10.000 abitanti. Diverse collettività di tabarchini che stime approssimate per difetto fanno ammontare a 5000 persone vivono inoltre a Cagliari e in centri limitrofi come Carbonia e Iglesias. Una parte non trascurabile di questi «emigranti» infine risiede in Liguria e nel settentrione italiano.

Statistiche a parte, il tabarchino è tangibilmente radicato tra i suoi parlanti, è una istintiva manifestazione del loro essere”.

Per saperne di più:
Briciole di terra
Il dialetto di Carloforte - carloforte.net
Grammatica del Tabarchino
Il Tabarchino a Scuola
Antiche parole del dialetto calasettano
L’ìsoa de san pe
Dialetto tabarchino
Dialetto ligure coloniale