Questo sito contribuisce alla audience di

La Carta de Logu del Giudicato di Arborea

La raccolta di leggi in Lingua Sarda promulgata alla fine del XIV secolo per "conservari sa justicia dessu populu dessa terra nostra".

carta de logu La Carta de Logu del Giudicato di Arborea è la raccolta delle leggi vigenti nel territorio del regno e fu promulgata dalla giudicessa Eleonora d’Arborea.

Con la Carta de Logu la Giudicessa riordinò gli usi e gli istituti giuridici locali e perfezionò l’opera del Giudice Mariano IV, suo padre, promulgatore di un Codice rurale e di un Codice civile e penale.

Questi ordinamenti costituiscono le due parti di quella che oggi chiamiamo Carta de Logu di Eleonora d’Arborea che fu promulgata nel 1390 circa: un insieme di norme giuridiche e amministrative risalenti a consuetudini locali sarde e alla tradizione giuridica romana e bizantina.

Ma con la promulgazione del corpus di leggi sarde la Giudicessa voleva mettere in evidenza l’indipendenza del Regno d’Arborea e della Nazione Sarda nei confronti del Regno di Aragona: in quegli anni infatti la Sardegna è territorio di lotte e guerre tra l’ultimo giudicato indipendente e gli invasori iberici che rivendicano il possesso del Regno di Sardegna e Corsica.

Inoltre, la Carta de Logu rappresenta una delle legislazioni più “moderne” nel contesto europeo e viene considerata uno degli esempi medioevali fondamentali per la costruzione del concetto di “stato di diritto” che si svilupperà in modo appropriato solo in epoca moderna.

Le leggi contenute nella raccolta rimasero in vigore in Sardegna per tutto il periodo in cui il Regno di Sardegna fece parte della Corona d’Aragona prima e di quella Spagnola poi, quindi ben oltre la caduta del Giudicato d’Arborea. Solo col Codoce Feliciano del 1827 la Carta de Logu perse ogni valore giuridico, ma rimase radicata a lungo come “codice morale”.

La copia più antica conservata della Carta de Logu è custodita presso la Biblioteca Universitaria di Cagliari (un’altra uguale presso la Biblioteca Reale di Torino): si tratta di un incunabolo databile intorno al 1480.

Ecco l’articolo in Lingua Sarda:

Sa Carta de Logu de Arbaree
S’arregorta de leis po “conservari sa justicia dessu populu dessa terra nostra e dessu regnu d’Arbaree”. De sa Carta de Logu no eus allogau sa editzioni sintzilla de su 1390.

Sa Carta de Logu de s’Urrennu de Arbaree est un’arregorta de leis i arregulas ki serbìanta po arregulai sa vida sotziali e econòmiga de sa genti de su Judicau de Arborea. Est unu còdixi penali e tzivili “imprentau” sa primu borta in su 1392 (atrus nanta in su 1388 giai) po boluntadi de sa Juighissa Lionora.

Custu corpus de leis du ìat incumentzau a arregolli su jugi Marinu IV su babbu de Lionora. Podeus nai ki sa Carta de Logu est unu codixi legislativu intr”e is prus antigus de s’Europa intrea, ki du fòrmanta 198 capìtulus de ordinamentus de diritu processuali e positivu, tzivili e penali.

Sa tenta de sa Carta de Logu de Arbaree fiat sa de “conservari sa justicia dessu populu dessa terra nostra e dessu regnu d’Arbaree“, unu traballu de arriforma giurìdiga nàsciu po adelantai is leis a is apretus de una sotziedadi ki fiat cambiendi.

De sa Carta de Logu no eus allogau sa editzioni sintzilla (prìntzipi) de su 1388/1392 ma unu incunàbulu de su Cuatruxentus stugiau ank’e sa Biblioteca de s’Universidadi de Casteddu. In prus nci ndi funti atras noi còpias a limba logudoresa e campidanesa imprentadas in is annus in fatu: 1485, 1560, 1567, 1607, 1617, 1628, 1708, 1725 e 1805.

Custu poita ca sa Carta de Logu da ìant umperada is aragonesus, is ispanniolus e is piemontesus puru fina su 1827 candu da ìanta bogada po umperai su Còdixi Felitzianu.

Per saperne di più / Po ndi sciri de prus:
Carta de Logu d’Eleonora d’Arborea 1355-1376 - E.B. Ferrer
Carta de Logu - Nuraghe.eu
La Carta de Logu - SardegnaCultura
Carta de Logu - Wikipedia