Questo sito contribuisce alla audience di

Ditzionàriu de sa limba e de sa cultura sarda

Edizione on line del dizionario curato dal professor Mario Puddu per la Condaghes.

ditzionariu
Il Ditzionàriu de sa limba e de sa cultura sarda pubblicato nel 2000 dalla casa editrice Condaghes di Cagliari è stato curato dal Professor Mario Puddu ed è uno degli strumenti più validi per conoscere la Lingua Sarda.

L’autore è uno dei massimi esperti di lingua e cultura sarda ma è inoltre un uomo di grande personalità e lealtà che spesso ha criticato le politiche ufficiali volte a promuovere una variante della lingua sarda piuttosto che un’altra. Ha pubblicato alcuni dei più importanti lavori scientifici nel panorama editoriale sardo degli ultimi anni.

Tra questi ricordiamo il semplice, chiaro e sintetico Istoria de sa limba sarda e l’importante lavoro sulla grammatica sarda intitolato Grammàtica de sa limba sarda.

Ha scritto inoltre il piacevole e divertente romanzo autobiografico Alivertu edito per la prima volta nel 1986 dalla Editziones Golosti di Nuoro e ripubblicato dalla casa editrice Condaghes di Cagliari nel 2004 all’interno della collana “paberiles” dedicata alla prosa contemporanea in Lingua Sarda.

Il Ditzionàriu nasce come “attestazione di stima per tutti i Sardi, senza distinzione alcuna”, per rafforzare l’uso della lingua nel vivere quotidiano e limitarne la perdita di alcuni termini, e inoltre per offrire alla scuola uno strumento appropriato per insegnare la Lingua Sarda.

Inoltre si tratta del “primo dizionario della lingua sarda fatto come i normali dizionari di altre lingue e non vuole stabilire e neppure far pensare a privilegi o qualità ‘migliori’ di alcuna variante, ma intende raccogliere e mettere insieme tutto il sardo perché di una stessa unica lingua si tratta”.

L’edizione on line, che si affianca a quella cartacea, è disponibile in sardo, italiano e inglese ma è possibile cercare le traduzione delle parole anche in spagnolo, tedesco e francese.

Ecco la presentazione del Ditzionàriu in Lingua Sarda:

Su Ditzionàriu de sa limba e de sa cultura sarda cheret esser unu primu veru e normale ditzionàriu e collit materiale - peràulas, sinnificados e manizu - de totu su sardu, variantes e sinónimos.
Ispiegados in limba e iscritos a una régula parívile, s’òpera contat unos 90.000 lemmas, unos 100.000 esémpios de fràsias, friguras, ischedas de verbos coniugados, prus de 7.000 maneras de nàrrere, sa tradutzione a s’italianu de unas 22.000 peràulas fintzas cun s’inditu in s’Imbesse pro poder de s’italianu lomper a su sardu.

Leggi anche / Càstia puru:
Alivertu. Sa colonizatzione de unu pastore