Questo sito contribuisce alla audience di

Gli Statuti Sassaresi

La raccolta delle leggi del libero comune di Sassari pubblicati in Lingua Sarda nel 1316.

statuti sassaresi L’utilizzo della Lingua Sarda scritta è attestata già nel Medioevo da documenti realizzati dalle cancellerie dei quattro Giudicati indipendenti: esistono infatti documenti del X e XI secolo prodotti dal Giudicato di Cagliari, dal Giudicato di Torres e dai Giudicati di Arborea e Gallura.

Esistono inoltre i Condaghes, codici medievali di provenienza per lo più ecclesiastica, e la Carta de logu, ovvero la raccolta di leggi del Giudicato di Arborea.

Ma esiste anche un’altra raccolta di leggi del periodo medioevale realizzata in Lingua Sarda: gli Statuti Sassaresi del Libero Comune di Sassari prodotti nel XIII-XIV secolo. Si tratta di un insieme di disposizioni giuridiche che nascono dall’incontro di due tradizioni normative: quella sarda del Giudicato di Torres o Logudoro e quella comunale di derivazione genovese e pisana.

Infatti all’incirca nel 1272, l’anno della morte di Enzo di Hohenstaufen, il “Re di Sardegna” ed ultimo Re de jure del Giudicato di Torres, Sassari prima passa sotto il controllo delle famiglie pisane poi di quelle genovesi sino a quando nel 1288 la città diventa “comune pazionato” di Genova. Legame attestato da un documento ufficiale del 1294.

Gli Statuti Sassaresi sono del 1283 ma la copia in Lingua Sarda Logudorese è stata realizzata nel 1316 durante la reggenza del podestà genovese Cavallino de Honestis.

Si suddividono in tre libri: il primo relativo all’organizzazione del Comune e ai suoi uffici, alla polizia urbana e rurale, e al commercio; il secondo si occupa del diritto civile; il terzo invece del diritto penale.

Ecco l’articolo in Lingua Sarda:

Is Istatudus Tataresus
S’arregorta de is leis de su Comunu de Tàtari de su 1283-1316.

S’umperu in is dogumentus jurìdigus sighit a essi unu naturali de sa lìngua sarda in su XIII e XIV sègulu puru. Intr’‘e totus is “corpus” de leis de su Mesu Evu sardu tòcat a kistionai de unu còdixi ki est unu de is prus cumprius ki s’anti allogau.

Is Istatudus Tataresus (li Statuti Sassaresi) funti s’arregorta de is leis ki umperànta in su tempus de su Lìberu Comunu de Tàtari (acabu de su XIII e primu perra de su XIV sègulu). Cust’arregorta de leis nascit de s’acorru de duus connotus jurìdigus: is leis comunalis de Gènuva e Pisa cun su connotu jurìdigu sardu de su Judigau de Logudoru.

No scieus beni candu sa tzitadi turritana si fìat decrarada Lìberu Comunu (o Arrepùbriga), ma seguramenti scieus ki depit essi stètiu in is annus faci a su 1272, ki est s’annu de sa morti de Entzu de Hohenstaufen “s’Urrei de Sardìnnia”, ùrtimu Jugi “de iure” de Logudoru.

O in su 1275 ki est s’annu de sa morti de Miali Zanke. Tandu Tàtari fìat passada a sut’’e sa protetzioni de is famìllias pisanas, e a pustis in su 1288 si fìat fata “comunu patzionau” de Gènuva. Su dogumentu ufitziali esti “s’àutu de cunfederatzioni” de su 1294.

Is Istadudus funti de su 1283, ma dus ìanta scritus e “imprentaus” in sardu logudoresu in su 1316, candu fìat podestà Cavallinu de Honestis. Una còpia fìat posta in sa Cùria ca da podìat castiai calikisiat tzitadinu de manera lìbera:

Vois messer N. electu potestate assu regimentu dessa terra de Sassari daue su altu Cumone de Janna azes jurare a sancta dei evangelia, qui fina assu termen a bois ordinatu bene et lejalmente azes facher su offitiu potestaria in sa dicta terra…

Ndi teneus cincu còpias intreas, ma duas sceti funti de su perìodu comunali: funti duas pergamenas iscritas a grafia gòtiga italiana, una in latinu ki no tenit sa data, e s’atra esti sa còpia sintzilla in sardu logudoresu de su 1316.

Donnya còpia esti spartzia in tres partis o lìburus: su primu lìburu arrègulat sa vida burogràtiga de su Comunu, is ufìtzius, su cumerçu e s’obra de sa polima in tzitadi e in su sartu; su segundu is leis tzivilis; e su de tresi is leis penalis. A-i custu “corpus” nci depìant essi acapiaus is lìburus fiscalis e notarilis de is intradas e de is bessidas, ma ki eus pèrdiu.

De importu funti is Istatudus de Casteddu Sardu (Casteddu Genuvesu tandu) puru, ki funti de su 1334 ma no si funti arribaus intreus. De-i custu tempus, ma ki no funti scritus a lìngua sarda, funti puru is “brevis” in vulgari tuscanu: su Breve Portus Kallaretani de su 1318 e su Breve di Villa di Chiesa de su 1302.

Per saperne di più / Po ndi sciri de prus:
Sassari Repubblicana