Questo sito contribuisce alla audience di

Le filastrocche per imparare i mesi in Lingua Sarda

Sa pintura de sos meses, sa cantzoni de is mesis e s'imbala de is mesis.

saludi La tradizione orale in Lingua Sarda ha conservato alcune filastrocche o imbalas (imbala-pipius o imbala-imbala) dedicate ai mesi dell’anno.

Si tratta di versi che sono sono conservati nella memoria dei Sardi più grandi ma che ancora oggi qualcuno prova ad insegnare ai propri figli e nipoti.

Tra le più famose c’è Sa pintura de sos meses, un imbala-pipius diffusa nel centro Sardegna, ma della quale esistono diverse varianti:

Sant’Andria est a murrunzu / ca at brigadu cun Nadale,
ki no bi keret andare / ca fàket dies minore.
Bennarzu cun sos pastores / brìgat dònnia temporada,
Frearzu iuket in cara / unu cavanile nou,
Martu nde ‘ètat a prou / sos àrbores da-e sa roca,
Abrile bene si pòrtat / ki nos bètat sos lentores,
e da’ Mayu sos frores / Làmpadas e Trìulas trigu,
Austu pàret nimigu / pro sole iscallentadu,
e Capidanni est torradu / cun s’arriu e figumurisca,
ja Santu ‘Aini infrìscat / e ja proet s’Atunzu…
Sant’Andria est a murrunzu.

Un’altra filastrocca che si cantava alla fine dell’anno vecchio è Sa cantzoni de is mesis o A sa noa, la quale vuole essere anche un augurio per l’anno che viene. Anche in questo caso sono i nomi dei mesi il soggetto principale dell’imbala-pipius.

Anche di questa filastrocca ne esistono diverse varianti, soprattutto nel sud Sardegna, dove a cambiare sono i termini utilizzati ma il significato resta sempre lo stesso: un anno è passato, con tutti i suoi carichi e i suoi problemi, ma siamo ancora qui, a lottare e sperare che l’anno successivo sia migliore. Questo imbala-pipius è composto da un insieme di proverbi o modi dire, da dìcius in Lingua Sarda che possono essere utilizzati anche singolarmente:

Gennarxu est passau, nì nieddu nì braxu mi nd’at tocau.
Friaxu, su pilloni prenit su scraxu.
Martzu. Ki bisi ki fàciu unda, piga sa scova e munda…
ki non accarraxu su surcu, strexidindi su bruncu.
Abrili, tòrrat lèpori a cuili.
Maju sentz’‘e soli, nì bagaria sentz’‘e amori.
A Làmpadas kini no podit messai, spìgat.
Mes’‘e Argiolas depidori, Austu pagdori.
Cabudanni. In s’àiri is brebeis, àcua fintzas a is peis.
Mes’‘e Ladàmini. Po santu Simoni dònnia tapu bàndat a su cuponi.
Donniasantu. Po santu Martinu in dònnia carrada est prontu su binu.
Mes’‘e Idas. Intr”e dias mannas e festas nodias nci acàbanta de passai is cidas.
A Sa Noa! - Deus bòllat!

Chiudiamo con S’imbala de is mesis, anch’esso diffuso nel sud Sardegna:

Gennàrgiu, mort”e frius / est sètziu peis a fogu
Friàrgiu in dònnia logu / sighit a fai is arrius.
Martzu cun is bentus / Abrili cun is froris
e Maju fait cuntentus / bestiàmini e pastoris.
Làmpadas giai cumèntzat / a si spremi su sudori
e Mes”e Triulas pènsat / a incungiai trigu e lori.
Austu bellu s’infrìscat / a sìndria i a meloni,
e pàpat figumurisca / Cabudanni buddoni.
Ladàmini cun is binennas / est in grandu fatiga
e Donniassantu bùfat / binu nou a crocoriga!
Mes”e Idas cuntentu / adòrat a su Messia,
ma a foras tìrat bentu / proit e fàit titia!

Se conosci altri imbala-pipius o filastrocche o se conosci delle varianti differenti da queste qui proposte, contattaci: lingua.sarda@yahoo.it
Chi scieis atrus imbala-pipius aundi nci funt is nòminis de is mesis o de is istagionis, ajò scriei-sì: lingua.sarda@yahoo.it

Leggi anche / Càstia puru:
Novembre in sardo
Is Animeddas e Su Mortu Mortu. Halloween in sardo