Questo sito contribuisce alla audience di

Lingue in pericolo

Un rapporto sulle lingue in pericolo nel mondo.

unesco Senza dubbio le lingue rappresentano la creazione più alta dell’ingegno umano, e ogni lingua è la testimonianza unica della facoltà linguistica del genere umano.

Le lingue non sono solamente strumenti estremamente utili alla comunicazione, ma riflettono una percezione del mondo: sono dei veicoli di trasmissione di sistemi di valori e di espressioni culturali, e costituiscono un fattore determinante dell’identità di gruppi ed individui.

Le lingue rappresentano una parte essenziale del patrimonio vivente dell’umanità.

Questa è la situazione nel mondo secondo l’Unesco:
- Più del 50% delle 6.000 lingue del mondo sono in pericolo.
- Il 96% delle 6000 lingue del mondo vengono parlate dal 4% della popolazione mondiale.
- Il 90% delle lingue del mondo non sono rappresentate su internet.
- In media ogni due settimane una lingua sparisce dal mondo.
- L’80% delle lingue africane non presenta trascrizioni scritte.
- In solo 8 paesi si concentra la metà delle lingue parlate nel mondo: Papua Nuova Guinea (820), Indonesia (737), Nigeria (510), India (415), Messico (291), Camerun (279), Brasile (188) e Australia (120).
- Le ricerche dimostrano che l’insegnamento combinato della lingua madre e di quella dominante, permette ai bambini di ottenere dei risultati migliori a scuola e stimolare il loro sviluppo cognitivo e la loro capacità nello studio.
- Bambini e adulti possono imparare una lingua nuova senza che questa sia dannosa nel dominio della propria.

L’articolo in Lingua Sarda:

Limbas amenetzadas
Arrexonu a pitz”e is lìnguas ameletzadas in su mundu. De su jassu de s’Unesco.

Ken”e duda sa limba est sa criatzioni prus manna bessia de sa menti de s’òmini, e donnya lìngua, in-d una manera ùniga, est sa testimonia de sa facultadi limbìstiga de s’umanidadi.

Is lìnguas no funti ainas de grandu balori ki sèrbinti po cumunicai sceti, ma tòrrant una bisura de su mundu puru: funti su mèdiu de “sistèmas ‘e valoris” e de espressadas curturalis, e is lìnguas etotu giòganta unu rolu de importu in su fraigu de s’identidadi de pòpulus e personis.

Sas limbas sunt ke sas fundamentas de sa “sienda biva” de s’umanidade.

Custa est sa situatzioni in su mundu:
- Prus de su 50% de is 6.000 lìnguas ki fuèddanta in su mundu funti “amenetzadas” est a nai acant’ acanta a ndi sparessi.
- Su 96% de is 6.000 lìnguas de su mundu du fuèddat su 4% de sa populatzioni de su mundu intreu.
- Su 90% de is lìnguas no esìstinti in s’arretza.
- Faendi sa mèdia, cada duas cidas una lìngua sparessit de su mundu.
- Su 80% de is lìnguas ki fuèddanta is africanus no tèninti dogumentus iscritus.
- De totu is lìnguas de su mundu, sa metadi da fuèddanta in 8 istadus sceti : Pàpua-Ghinea Noa (820), Indonèsia (737), Nigèria (510), Ìndia (415), Mèssigu (291), Càmerun (279), Brasili (188) i Austràlia (120).
- Sas buscas iscentìfigas amòstant ki candu a is pipius dis impàranta sa “lìngua ‘e bartzolu” impari a sa “lìngua ki dòminat”, ndi bèssinti prus bonus a-i scola. E-i custa manera de imparu “plurilinguìsta” dis serbit ke strumbullu in su “adelantamentu connitivu” e dus agiùdat in su stùdiu puru.
- Is mannus e is pipius pòdint imparai una limba noa, e-i custu no est unu barrancu in su manìgiu de sa “lìngua ‘e bartzolu” insoru.

Per saperne di più / Po ndi sciri de prus:
Endangered Languages
Cultural Heritage