Questo sito contribuisce alla audience di

Lo Stato Italiano discrimina la Lingua Sarda

Su comitadu pro sa limba sarda prepara una procedura di reclamo per la violazione dei diritti dell'uomo.

comitadu In occasione del Human right day - Giornata mondiale dei diritti umani 2010 organizzata dalle Nazioni Unite, Su comitadu pro sa limba sarda lancia da Fonni, dove si trova per partecipare alla Conferenza regionale sulla Lingua Sarda, un comunicato stampa nel quale afferma di aver avviato “una procedura di reclamo per la violazione dei diritti dell’uomo riguardo a misure discriminatorie relative al non insegnamento della lingua sarda e delle lingue alloglotte nella scuola italiana in Sardegna di ogni ordine e grado da parte dello Stato italiano che ne ha competenza costituzionale”.

Il Comitato, rivolgendosi all’Alto commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite, chiede il pieno rispetto da parte dello Stato Italiano degli art. 1.1 e 2.3 della Dichiarazione dei diritti delle persone e delle minoranze etniche, religiose e linguistiche adottata dalle Nazioni Unite nella risoluzione n° 47/135 del 18 dicembre 1992.

In particolare, due sarebbero i punti focali della protesta rivolta all’organismo internazionale di tutela: la mancata protezione dell’identità nazionale, culturale e linguistica della minoranza sarda e l’assenza di misure appropriate perché gli appartenenti alla minoranza sarda abbiano la possibilità di apprendere la loro lingua materna e di ricevere un’istruzione nella loro lingua materna.

E’ quindi ormai necessario, secondo quanto affermato dal Comitato, “l’insegnamento della lingua nazionale sarda e nella lingua della minoranza nella scuola di ogni ordine e grado con un adeguato impegno finanziario da parte dello Stato italiano al fine di fermare il processo di denazionalizzazione forzata e di assimilazione portato avanti senza soluzione di continuità nella scuola italiana in Sardegna”.

La difesa, la normalizzazione e l’ufficializzazione della lingua sarda e delle alloglotte, passa attraverso la realizzazione di un vero regime di bilinguismo, sostenuto anche dalla Regione Autonoma della Sardegna. Tale situazione infatti “danneggia sopratutto le nuove generazioni e non rispetta i più elementari diritti civili collettivi ed individuali di un popolo a partire dai diritti linguistici, identitari e culturali”.

Ecco il comunicato de Su comitadu pro sa limba sarda in Lingua Sarda:

Fonne 10 Nadale 2010

Comunicadu de istampa

Su Comitadu pro sa limba sarda, riunidu in Fonne pro sa Cunferèntzia regionale de sa limba sarda, in ocurrèntzia de sa “Die mundiale de sos deretos umanos/Human right day 2010 ”, at cumintzadu unu protzedimentu de reclamu pro sa violatzione de sos deretos de s’òmine in contu de mesuras discriminatòrias in relatzione cun su no-imparòngiu de sa limba sarda e de sas limbas alloglotas in sas iscolas italiana in Sardigna, violatzione fata dae s’Istadu italianu chi nde tenet cumpetèntzia costitutzionale.

Su Comitadu pro sa limba sarda s’incumandat a su Cummissàriu pro sos deretos umanos de sas Natziones unidas reclamende, oe chi est die mundiale de sos deretos umanos, chi s’Istadu italianu non rispetat sos artìculos 1.1 e 2.3 de sa Decraratzione de sos deretos de sa pessones e de sas minorias ètnicas, religiosas e linguìsticas adotada dae s’Onu in sa risolutzione n. 47/135 de su 18 de Nadale 1992, e in manera distinta in contu de:
- s’amparu mancadu de s’identidade natzionale, culturale e linguìstica de sa minoria sarda;
- sa mancàntzia de mèdios pretzisos pro fàghere a manera chi sos membros de sa minoria sarda tèngiant sa possibilidade de imparare sa limba materna issoro e de retzire un’istrutzione in sa limba materna issoro.

Su Comitadu pro sa limba sarda pessat chi siat oramai còmprida s’ora pro s’imparòngiu de sa limba natzionale sarda e in sa limba de sa minoria in sas iscolas de cada òrdine e gradu, cun un’impinnu finantziàriu de bundu fatu dae s’Istadu italianu pro arressare su protzessu de isnatzionalizatzione e de assimilatzione giutu a in antis in manera sighida in s’iscola italiana in Sardigna.

Custu protzessu resurtat comente una trobea a su moimentu largu e profundu pro s’amparu, sa normalizatzione e s’ufitzializatzione de sa limba sarda e de sas alloglotas, in unu regìmene de bilinguìsmu cun sa limba italiana, chi oramai non si podet arressare e chi est amparadu dae sa Regione sarda; unu protzessu chi noghet mescamente a sos giòvanos e non dat cara a sos prus elementares de sos deretos tziviles, colletivos e personales de unu pòpulu, cumintzende dae sos deretos linguìsticos, identitàrios e culturales.

Su Comitadu pro sa limba sarda at a comunicare su cumintzu de su protzedimentu a mèdiu de una lìtera mandada a su Cummissàriu pro sos deretos umanos pesadu in su 1993 dae s’Assemblea de sas Natziones unidas.

Primos firmatàrios pro Su Comitadu pro sa limba sarda

Antonimaria Pala
Diego Corraine
Francesco Casula
Gianfranco Pintore
Mario Carboni
Michele Pinna
Paolo Pillonca
Francesco Cheratzu
Giuliana Portas
Mariantonietta Piga

Leggi anche / Càstia puru:
Dal Gran Paradiso una risposta alla RAI
Sparita la Lingua Sarda
Lettera alle più alte cariche della Regione Sardegna sulla Lingua Sarda
Il “Comitadu pro sa Limba Sarda” all’Università di Cagliari