Questo sito contribuisce alla audience di

Peppino Mereu

Poeta di Tonara prematuramente scomparso ed entrato di diritto nell'olimpo dei poeti sardi.

pepinu-mereu
Peppino Mereu nacque a Tonara il quattro gennaio 1872 in una famiglia agiata della media borghesia. La tranquillità familiare venne meno quando nel 1887 la madre di Peppino e degli altri sei fratelli morì seguita due anni dopo da quella del padre.

Trovatosi in una situazione economica e psicologica di grave difficoltà egli decise nel 1891 di arruolarsi nell’arma dei carabinieri. Ebbe in questo modo l’occasione di girare la Sardegna: Cagliari, Nuoro, Osilo, Sassari, Cossoine ed Assemini sono alcuni dei luoghi ancora oggi legati all’esperienza di Peppino Mereu lontano dal suo paese natale cui farà ritorno nel 1896 in seguito al congedo per malattia.

Non ebbe certamente una formazione lineare ma fu sicuramente una persona istruita tanto che nel 1898 fu assunto dal Comune di Tonara.

Nel 1899 esce la prima edizione, pubblicata a Cagliari dalla tipografia Valdes, dell’antologia poetica intitolata Poesias: il libro viene stampato grazie al prezioso contributo dell’amico Nanni Sulis, il famoso Nanneddu della poesia a lui dedicata, che introduce la raccolta poetica con una presentazione dell’uomo e poeta Peppino Mereu diventata ormai leggendaria.

Nel marzo del 1901, all’età di ventinove anni, la malattia che lo aveva tormentato per tutta la vita spegne per sempre la sua avventura umana ma non quella poetica che continua ancora oggi: le sue poesie infatti sono tra quelle maggiormente conosciute ed apprezzate della storia letteraria sarda.

Su di lui si è detto:

“Sa poesia vera est onestade e sintzeridade. Peppinu Mereu truncat donzi aggantzu cun sa poesia traditzionale sarda de s’Arcadia. Credet in su cantu de su tempus presente, de sa vida vera de sa zente: “su versu non devet esser dijunu de su sensu comunu”. Devet currispòndere a sos problemas de sa zente e a sos fatos de sa comunidade, in bonu e in malu”.

Bachis Bandinu, Lontanantzia arregordantzia comunantzia, in Peppinu Mereu, Terra de musas, pag. 11, Edizioni Frorias, Ca 2001.

“Il caso di Peppino Mereu e della sua silloge edita nel 1899 è davvero raro, se non probabilmente unico, fra i poeti dialettali sardi, soprattutto se si tiene conto della qualità della pubblicazione di cui parliamo, curata sotto ogni aspetto, a parte i difetti grafici e tipografici che affliggeranno per molto tempo ancora la stampa della poesia in lingua sarda, nonostante la generale riscoperta che il genere visse proprio nel secondo Ottocento”.

Marco Maulu, in Peppino Mereu, Poesias, pag. 10, Edizioni Ilisso, Nuoro, 2004.

“Il Mereu fu un poeta colto, consapevole delle sue scelte stilistiche, e hanno un fondamento gli accostamenti della sua figura e della sua opera a esperienze come quella scapigliata o quella crepuscolare, sia per certi toni psicologici e certe analogie biografiche…, sia per l’uso di registri stilistici quotidiani e prosaici nel suo linguaggio.

Giovanni Pirodda, Letteratura delle regioni d’Italia. La Sardegna, p. 306, Editrice La Scuola, 1992.

“C’è un testo di Mereu, Su testamentu, non consegnato alle poesias del 1899 e, chissà, forse davvero composto a sos istremos de sa vida: in fin di vita. Qui l’uomo mette in rima le sue ultime volontà (e le sue ultime maledizioni)… Mereu si sforzò di distillare nei suoi testi quelle stesse tensioni che attraversavano il periodo in cui visse e dalle quali egli stesso era, come abbiamo già cercato di dire, attarversato”.

Giancarlo Porcu, in Peppinu Mereu, Poesie complete, pag. 506, Il Maestrale, 2004

L’articolo in Lingua Sarda:

Pepinu Mereu 1872 - 1901
Is poesias de su poeta tonaresu: is prus spainadas in Sardìnnia.

Giuseppe Ilario Efisio Antonio Sebastiano Mereu fiat nàsciu in Tonara su 4 de Gennàrgiu de s’annu 1872. Sa famìllia fiat arrikixedda ca su babbu fiat su dotori de sa bidda de sa Barbàgia-Mandrolisai.

Ma sa situatzioni econòmiga e pissicològiga si fiat furriada a sa lestra candu in su 1887 Angiolina Zedda, sa mamma de Pepinu e de is atrus sesi fradis, ndi fiat morta. Dus annus avatu su babbu puru morit.

Is crònacas anti sempri kistionau de unu incidenti: su babbu de Pepinu iat a ai ingurtu o bufau po sbàlliu calincunu belenu o meixina ki du iat mortu.

Ma parit stramu diarerus ki unu dotori spertu in su manìgiu de is sustàntzias tòssicas iat bufau “po sbàlliu” unu velenu. Podit essi puru ki su babbu de su poeta tonaresu si siat suicidau. O ki calincunu du apat bociu.

Comuncas su fatu est ki Pepinu s’agatat òrfanu a dexesetannus e in-d u na cunditzioni sociali ed econòmiga difìtzili. Scieus ki in su 1891 si fiat arruolau in is carabineris. In is annus Noranta girat sa Sardìnnia: Casteddu, Nùgoro, Osilo, Tàtari, Cossoine i Assèmini. In su Norantasesi torrat a Tonara ca cumentzat a s’intendi mali e benit cungedau de s’Arma.

No scieus cantu apat studiau. Seguru est ki sciìat ligi e scriri, ki fiat literadu: difatis trabballat anke su Comuni de Tonara de su 1898.

De su 1899 est sa pubricatzioni de s’arregorta intitulada Poesias curada de s’amigu Nanni Sulis, su “Nanneddu” de sa poesia sua prus connota, ki in su libru bessiu po sa Valdès de Casteddu iat scritu una prefatzioni ki oi est connota meda.

Cun custa primu editzioni de poesias cumentzat su mitu de Pepinu Mereu su poeta, ki morit a bintinoi annus sceti s’ùndixi de su mesi de Martzu de s’annu 1901.