Questo sito contribuisce alla audience di

Sa pratza de su diamante

Presentazione della traduzione in Lingua Sarda del romanzo La plaça del Diamant della scrittrice catalana Mercè Rodoreda .

pratza La plaça del Diamant è il titolo del romanzo della scrittrice catalana Mercè Rodoreda ed è considerata una delle opere più importanti della letteratura in Lingua Catalana.

Sfondo della storia narrata dalla Rodoreda è il quartiere della Gracia di Barcellona durante gli anni della Seconda Repubblica e della Guerra Civile. Protagonosta è Natàlia, che cambierà il suo nome in Colombetta.

O meglio, protagonista è il mondo interiore di questa donna che vive in contrasto con la realtà esterna, una donna apparentemente fragile, ingenua e idealista che difficilmente riesce ad esprimere il proprio essere sino alla riscoperta della vita.

Gabriel Garcia Màrquez considerò il romanzo “il più bello che sia stato mai pubblicato in Spagna dai tempi della guerra civile” e poiché ne lesse la versione originale in Lingua Catalana poté affermare: “uno scrittore che sa come chiamare le cose tiene salva metà dell’anima, e Mercè Rodoreda lo sapeva fare fino in fondo nella sua lingua materna”.

Mercè Rodoreda i Gurgui è dunque ancora oggi una delle scrittrici più apprezzate e tradotte della letteratura catalana.

Pubblicato per la prima volta nel 1962, La plaça del Diamant è stato tradotto in tantissime lingue. E proprio la traduzione in Lingua Sarda (Sa pratza de su diamante) di Giagu Ledda per la casa editrice Papiros di Nuoro verrà presentata giovedì 2 dicembre 2010 alle ore 18.00 presso la Biblioteca Regionale di viale Trieste n. 137 a Cagliari.

Saranno presenti Giagu Ledda, Joan Armanguez, Loan Elies Adell, e Diego Corraine.

Ecco l’articolo in Lingua Sarda:

Sa pratza de su diamante
In Casteddu presentant sa furriadura in Lìngua Sarda de s’arromanzu de Mercè Rodoreda

La plaça del Diamant, su tìtulu de su romanzu de sa scridora cadelana Mercè Rodoreda esti.

Seus chistionendi de una de is obras literàrias prus de importu in sa stòria de sa literadura in Lìngua Cadelana .

Contat sa stòria de sa vida de Natàlia, chi at a cambiai su nòmini cosa sua in Colometa, ma podeus nai puru chi siat su contu de una fèmina chi bivit in-d una manera totu spetziali su mundu “de aintru” cosa sua.

Colometa est una giòvana de su trighìngiu de Gràcia de Bartzellona. Ma in mesu de su contude s’istòria sua, podimus bìdere finas sa crònaca de sa tzitade de Bartzellona de sa gherra e a pustis de sa gherra. In definitiva, podimus lèghere un’òpera chi faeddat de sa memòria colletiva eindividuale de sos Catalanos. Finas pro custu est pretziada meda intotu sos Paisos Catalanos (Papiros editziones).

Gabriel Garcia Màrquez at nau chi Sa pratza de su diamante fiat “s’arromanzu su prus bellu mai imprentadu in Ispànnia de su tempus de sa Gherra Tzivili” e sigumenti iat tentu su praxeri de du ligi in deretura in cadelanu at naua pitzus de sa scridora: “est una de cudda genia de scriidoris chi scinti ponni is nòminis giustus a is cosas e duncas arrennescit a sarvai sa mitadi de s’ànima, e issa du scidiat fai beni dearerus umperendi sa lìngua de bartzolu cosa sua”.

Mercè Rodoreda i Gurgui est oindì una de is mellus scridoras de sa literadura cadelana, e custu du amosta su fatu de essi una de is prus bortadas (tradùsias) in is atras limbas: difatis, imprentau in su 1962 po sa primu borta, La plaça del Diamant sighit a tenni furriaduras che sa in Lìngua Sarda a incuru de Giagu Ledda po sa domu de imprenta Papiros de Nùgoro chi ant a presentai giòbia su 2 de su mes”e Idas / Nadale 2010 a is sesi de a merì anche sa Biblioteca Regionale de viale Trieste n. 137 in Casteddu.

A s’atòbiu nci ant a essi Giagu Ledda, Joan Armanguez, Loan Elies Adell, e Diegu Corraine: Su de pòdere lèghere in sardu custa òpera de gabbale, est un’ocasione inprus pro connòschere mègius Bartzellona e su mundu catalanu, chi attentu una parte manna in s’istòria de sos Sardos e de sa Sardigna (Papiros editziones).

Per saperne di più:
La piazza del diamante di Mercè Rodoreda