Questo sito contribuisce alla audience di

S'omini chi bendiat su tempus

L'uomo che vendeva il tempo: raccolta di ventiquattro racconti scritti in Lingua Sarda da Franciscu Carlini.

omini S’omini chi bendiat su tempus è una raccolta di ventiquattro raconti, suddivisi in sei capitoli, scritti dal poeta e narratore Franciscu Carlini di Vallermosa.

Argomento principale e tema ricorrente delle storie è l’umanità con le sue dinamiche sociali e psicologiche, le sue scene di vita che ci appartengono e ci avvolgono.

Nevrosi e gesti semplici, comportamenti scherzosi e modi di fare. Insomma, pagina dopo pagina quello che ne emerge è un affresco di noi stessi da leggere in maniera piacevole grazie anche a l’ottima scrittura in Lingua Sarda Campidanese di cui l’autore è uno dei maestri contemporanei.

Il libro è stato pubblicato dalla Zonza Editori nel 2001 per la Collana “Semidas” ed è accompaganato dalla traduzione in italiano a parte.

Franciscu Carlini si è laureato in lettere moderne a Roma, città dove ha vissuto e lavorato. Ha collaborato con numerose riviste e ha pubblicato diverse annttologie poetiche. Il suo romanzo Basilisa ha vinto il Premio Grazia Deledda 2002, mentre S’omini chi bendiat su tempus è stato premiato col Premio Città di Selargius 2003.

Ecco l’articolo in Lingua Sarda:

S’omini chi bendiat su tempus
Arregorta de 24 contus de Franciscu Carlini

S’omini chi bendiat su tempus est un’arregorta de 24 contus, spartzius in 6 capituleddus, ki at scritu Franciscu Carlini su poeta e scriidori de Biddermosa. De custu libru spantat sa simplesa de cumenti est scritu e sa profundidadi de s’argumentu.

Podeus nai ki s’argumentu printzipali beru de su libru siat s’òmini, intendendi custu fueddu cun su sentidu prus mannu ki potzat tenni. Ca is contus funti ke unu biaxu in sa pissicologia de is indivìduus, de is cristianus, cumenti ki s’autori èssit bòfiu ponni in luxi is dinàmigas fitianas, sa “micro-fìsiga” de is arrelatas umanas, intra òmini e fèmina, intra cristianus etotu.

Makioris e cumpurtamentus simplis, gestus befianus e costumàntzias locas. Insoma, fueddu a pustis fueddu, sa vida nostra ndi bessit pintada in custas pàginas ki, de manera praxerosa, sfolliaus a-d arrisixeddu in buca. Arrisu ki podit essi brullanu, satìrigu, tzìnigu… ma ki no amàncat mai.

Is contus menèscinti de essi lìgius de manera cuidadosa, po no curri s’arriscu de si perdi calincuna sfumadura lèbia. Un’arregorta ki si fai arrexonai.

Pigaus po esempru a su primu contu, intitulau “Su Remitanu”. Naraus sceti ki innoi du at unu bellu afrescu de s’arrelata, simbòliga, intra duus amigus, ki po una brulla ndi arrùinti in-d una tragèdia. Cument’a nai ki, a bortas, seus tragaus de calincuna fortza ki si trascendit e si fait fàiri su ki no emus pensau de fai mai… pintada marigosa de su naturali pròpriu de is sardus.

O pigaus su spassiosu “Su libureddu birdi”, ki parit diarerus una pintura prus ki atuali de su naturali de is fèminas… ki dis bastat unu no-nudda po si scatenai in scioru e còmporas de arrevinitus…

S’omini chi bendiat su tempus, cumenti contat s’autori in custu contixeddu ki donat su tìtulu a totu s’arregorta, est un’arregalu po si fai bivi de prus.

Libru imprentau de sa Zonza Editori in su 2001, aintr”e sa Collana “Semidas”. Sa lìngua umperada est su sardu, cun tradusidura in italianu puru in sa segundu parti.