Questo sito contribuisce alla audience di

Spot Rai, discriminata la Lingua Sarda

Anche sui blog dedicati alla Lingua Sarda cresce la polemica contro la campagna pubblicitaria Rai per il canone 2011.

rai La prima protesta è arrivata dal blog Lìngua e cultura sarda di Ivo Murgia che nel suo post del 10 dicembre 2010 intitolato “A sa faci de sa 482” parla della scelta quantomai curiosa di realizzare una serie di spot che discriminano i dialetti o lingue regionali, una scelta forse non casuale dati i continui tagli da parte dello Stato Italiano alla Legge n. 482.

Ivo Murgia non fa certo male a ricordare la Legge n. 482 del 15 Dicembre 1999 che impegna la Repubblica italiana nella valorizzazione delle cosiddette lingue e culture “minoritarie” presenti nel territorio italiano e ad affermare, tra le altre cose:

“Ma gei no eus a bolli pretendi ca is polìticus italianus connòsciant is leis de su stadu chi iant a depi aministrai?! E meda de cosa! O forsis est pròpiu ca dda connoscint ca funt sèmpiri seghendi is finantziamentus de sa 482… ca nou, no siaus malus, est ca ddis serbiat su dinai po pagai custu spot!”.

Argomento ripreso da Gianfranco Pintore che nel suo blog parla di una Rai di nuovo fascista. Infatti, nel suo intervento E sa Rai torrat a èssere s’Eiar fascista pubblicato il 12 dicembre 2010 afferma: “Sos meres mannos de s’Eiar 2010, in s’innoràntzia barrosa insoro, nch’ant postu in mesu de sos dialetos italianos finas su friulanu e su sardu chi sunt limbas distintas”.

Anche Diegu Corraine sul blog Formaparis ha pubblicato il 13 dicembre 2010 un intervento dal titolo Su friulanu e su sardu cunsiderados comente dialetos italianos in 5 vìdeos de sa Rai nel quale sottolinea la differenza tra le varie parlate presenti nel territorio dello Stato Italiano e critica in particolare il fatto che negli spot Rai vengano inserite anche la Lingua Sarda e la Lingua Friulana “chi sa 482/99 reconnoschet comente limbas NO italianas! Est pro custu chi devimus protestare comente Sardos. Non ca sos dialetos italianos apant una limba de riferimentu de de interrelatzione”.

Leggi anche:
La RAI e le lingue regionali
Dal Gran Paradiso una risposta alla RAI
Gli spot Rai insultano i valori del regionalismo
Lo Stato Italiano discrimina la Lingua Sarda