Questo sito contribuisce alla audience di

Tagli ai finanziamenti per la Lingua Sarda

Commenti negativi da IdV e A Manca pro s'Indipendèntzia.

minoranze italia In un comunicato riportato dal quotidiano on line Il Minuto, Priamo Farris, pedagogista ed esperto di lingua sarda, e Federico Palomba, ex Presidente della Regione Sardegna, oggi parlamentare e segretario regionale del partito Italia dei Valori, hanno affermato che i finanziamenti relativi alla Legge n. 482 “Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche” subiranno una decurtazione pari a 1.040.071 euro.

Il taglio causerà “una grande povertà” alla Cultura Sarda ed è figlio di un nuovo metodo utilizzato dal Governo per calcolare le cifre dei finanziamenti, basato non più sul numero della popolazione, ma “in base alla radice quadrata del numero dei comuni dove si parlano lingue minoritarie”.

“Con tale sistema le minoranze più numerose, come quella sarda (e come quella friulana), vengono di molto penalizzate a vantaggio di quelle comunità non molto numerose” hanno sottolineato gli esponenti sardi dell’IdV sardo.

Inoltre, secondo Farris e Palomba, alla gravità della situazione si aggiunge anche l’assoluto silenzio dei partiti identitari e indipendentisti, “a cominciare dal PSd’Az che, pur indipendentista, sta tuttavia al governo della regione con la destra”.

Anche il movimento politico A Manca pro s’Indipendentzia, sul proprio sito web, ha commentato negativamente il taglio ai finanziamenti per la Lingua Sarda, affermando che si tratta di un “provvedimento beffa attraverso il quale la cultura del popolo sardo viene penalizzata a vantaggio di quelle comunità italiane che hanno un alto numero di comuni”.