Questo sito contribuisce alla audience di

Francesco Masala 1916 - 2007

Un ricordo dello scrittore bilingue a quattro anni dalla morte. Arregordendi a su poeta a duas limbas.

biddafraigada Nacque nel 1916 ad Arasolè, centro abitato di impronta medievale, adagiato lungo l’antica valle delle noci ma circondato oggi da boschi di querce: un piccolo villaggio, così piccolo che l’odore dell’incenso che esce dalla vecchia chiesetta di Prete Fele arriva fino alle ultime case.

Ma quel villaggio preferisco chiamarlo Biddafraigada, che non è mai morta, ma est mortu solu chie l’hat iscritta. Infatti Francesco “Cicitu” Masala è morto il 23 gennaio 2007 a Cagliari.

Ma non Biddafraigada e neanche le opere “bilingui” che ci ha lasciato. E che continuano ad esercitare in noi un richiamo, continuo.

Perché? Forse per via di quella serietà mascherata da satira, come le maschere antiche del teatro sardo.

Una storia, quella della produzione teatrale in Sardegna, che non sarebbe neanche dovuta esistere: questa “Storia del Teatro Sardo” è nata dalla necessità di una “ricerca” per verificare la tesi, fatta anche a livello accademico, sulla inesistenza di una produzione teatrale sarda e, dunque, sulla inutilità di una sua storia.

Gesti e parole. Come le storie raccontate nei suoi versi e in prosa. Come la difesa “istituzionale” della Lingua Sarda senza però dimenticare che questa senza arte e letteratura non può vivere né sopravvivere.

Lingua e satira. Lingua viva che riecheggia quella appuntita di Peppino Mereu e che gli permette, lontano dal finto perbenismo, di parlare di sesso e di bagasse anche in sardo. Perché la Lingua muore se è solo “politica” e non più “vita”. E chi più di loro, de sas bagassas, ne sa qualcosa.

L’ha detto in versi. E l’ha raccontato in prosa: Giuanna sa Bagassa chi si daiat a sos prinzipales pro campare sa vida. Comente narat su diciu: su cunnu no tenet ne manos ne pes, però si campat sa vida, cun su trabagliu pius antigu de su mundu…

Poesie e racconti sulla vita e sulla morte. Di questo ha parlato, questo ci ha lasciato. Ma in due lingue. Se vi pare poco…

L’articolo in Lingua Sarda / S’artìgulu in Lìngua Sarda:

S’annu fiat su 1916: a trigadiu po sa Primu Gherra ma no po sa Segunda. Su logu: cudda bidda, chi Arasolè ddi nanta. O po mellus nai, chi issu e totu aici iat tzerriau. Ma Biddafraigada puru. Una bidda, duus nòminis: stravanau!

Bidda antiga, bècia de su tempus de is Giugis a su mancu. Sentz”e chistionai de is domus de janas e de is nuraxis chi in su sartu s’agàtanta… Comuncas, Biddafraigada ddi naraus, poita ca morta no est, ma est mortu solu chie l’hat iscritta.

Ca su 2007 fiat s’annu de sa morti de Frantziscu “Cicitu” Màsala. Casteddu imbecis su logu. E duncas su tempus iat tentu po biri duus Pianus po torrai a nasci. Ma is Pianus sceti, sentz”e torrai a nasci però.

Cuatrus annus duncas funti passaus. Ma cosa de importu s’at lassau: contus de vida, literadura. Ma literadura a duas limbas chi oindì puru a chistionai sìghinti. E forti forti si tzèrrianta.

Poita? Ca nc’est calincuna cosa chi meda praxit. Cosa sèria ma amascarada, a tipu brulla. A tipu carota de carrasciali. Che biseras de su connotu antigu. Teatru ddi nanta puru.

Ca mamuthones e issohadores, sa primu pàgina de sa stòria de su teatru sardu funti. Una stòria chi, ponendi menti a professoris e istudiaus, no nci depiat nemancu essi: questa “Storia del Teatro Sardo” è nata dalla necessità di una “ricerca” per verificare la tesi, fatta anche a livello accademico, sulla inesistenza di una produzione teatrale sarda e, dunque, sulla inutilità di una sua storia.

Teatru, est a nai gestu e fueddu. Che is cosas contadas in poesia e prosa. Che sa gherra po amparai sa Lìngua Sarda de manera ofitziali ma sentz”e si scaresci chi sa limba, sentz”e literadura, bell’e morta iat a essi.

Lìngua e brulla. O iscromba si boleus. O mellus, limba e sàtira. Lìngua chi sighit a essi bia ca no si assinnioricat, chi ndi torra a pigai sa fortza de sa de Pepinu Mereu. De chistionai lìbera. De ita? De is cosas de sa vida, de cosas de amore e po fintzas de su chi sas bagassas scinti beni.

In poesia, ellus. Ma in prosa puru. Che su contu de Giuanna sa Bagassa, chi si daiat a sos prinzipales pro campare sa vida. Comente narat su diciu: su cunnu no tenet ne manos ne pes, però si campat sa vida, cun su trabagliu pius antigu de su mundu…

Duncas poesias e contus a pitzus de sa vida e de sa morti: custa s’erèntzia cosa sua, custu su chi at nau. Ma a duas limbas dd’at fatu. Aici totus…