Questo sito contribuisce alla audience di

Gaudì in Lingua Sarda

Un interessante articolo di FP40 dedicato alla discussione sulla Limba Sarda Comuna.

sagrada Gaudì e La Sagrada Familia. Parabola e iperbole dell’ architettura è il titolo della mostra allestita presso la Galleria Umberto I nella Passeggiata Coperta del Bastione Saint Remy a Cagliari.

Organizzata dalla Regione Autonoma della Sardegna con la collaborazione del Comune di Cagliari e l’Università degli Studi di Cagliari, è stata inaugurata il 20 dicembre 2010 e rimarrà aperta sino al 19 febbraio 2011, con ingresso gratuito tutti i giorni dalle ore 9.30 alle ore 21.00.

La mostra ha come finalità principale quella di raccontare l’opera di costruzione della maestosa e innovativa chiesa catalana, sottolineando l’importanza che la ricerca e la sperimentazione hanno avuto e continuano ad avere in tale progetto. Ma anche illustrare l’opera di Antoni Gaudì, massimo esponente del modernismo catalano, attraverso l’utilizzo di quattro lingue: Italiano, Inglese, Sardo e Catalano.

E proprio dall’utilizzo della Lingua Sarda, in un contesto sperimentale e moderno come quello degli eventi culturali, è dedicato l’articolo che proponiamo e che si intitola Gaudì in sardu.

La mostra Gaudì e la Sagrada Familia diventa lo spunto per un racconto-ragionamento intorno alla Limba Sarda Comuna, al sardo scritto e parlato, agli usi e ai costumi degli uomini e delle donne in genere, e ad altro ancora. Un resoconto preciso che lascia spazio alla satira e all’ironia scritto in un ottimo sardo variante di Bitti.

L’articolo si trova nel blog FP40 dedicato alla Lingua Sarda, alla Poesia e alla Scienza.

In su torrai gràtzias a s’amigu Fabrìtziu, nci pongu innoi su cumentzu de custu contu/arrexonu ca po mei, unu grandu onori est su de ddu podi pubricai in is pàginas de custa arribista digitali intregada a sa Lìngua, sa Literadura, sa Cultura de Sardìnnia. Labai su cumentzu de su contu:

‘Imur jeo, mutzere mea e sa nonna* (Anto).

Semus annatos a bide’ ssa mustra de ss’opera de Antoni Gaudì in Casteddu.

A ssu bankone ‘e ss’intrata, in su prestantis ki sar fèminas sinnaian’ ssu libbru ‘e ssar firmasa, jeo gheto s’ocru a ssu libbru ‘e ssa mustra k’ ‘it inie. Ekerrore costatu, e ite m’acato! Unu libbru iscritu in bator limbas: italianu, inglesu, catalanu e sardu.

Sardu? Sardu!

Po sighiri a ligi su contu:
Gaudì in sardu

Per saperne di più:
Mostra Gaudì e la Sagrada Familia
Gaudì a Cagliari: Sagrada Familia, Parabola e Iperbole dell’Architettura