Questo sito contribuisce alla audience di

I fuochi di Sant'Antonio Abate in Sardegna

I nomi più diffusi in Lingua Sarda per indicare i fuochi dedicati a Sant'Antoni.

su fogu Secondo i dati forniti dalla Regione Autonoma della Sardegna sono almeno 65 i centri dove tra il 16 e il 17 gennaio 2011 verranno accesi i fuochi rituali per rendere omaggio e festeggiare Sant’Antonio Abate: Sant’Antoni de su fogu in Lingua Sarda.

Quest’anno infatti l’amministrazione regionale ha deciso di pubblicizzare uno degli avvenimenti più suggestivi del patrimonio culturale dell’isola e di inserirlo nel progetto “L’isola che danza” finalizzato a creare flussi turistici “fuori stagione”. Per i riti legati ai fuochi di Sant’Antonio Abate si è scelto il claim “Scintille del cuore”.

Ischintziddas dae su coro in Lingua Sarda: fu proprio Sant’Antonio Abate, grazie alla propria astuzia e all’aiuto del maialino che spesso lo accompagna nelle raffigurazioni, che infatti riuscì a scendere agli inferi e così rubare il fuoco. Fuoco che appunto nascose nel cuore del suo bastone cavo imprigionandone le scintille e regalandole così all’umanità.

E così per ricordare quell’evento che la sera del 16 gennaio si accendono i fuochi di Sant’Antonio.

Fuochi e falò che non sono uguali e che a seconda delle zone della Sardegna vengono chiamati in modo differente:

Is fogus, is fogaronis o fogadonis, sos focos, sos o’os: fuochi realizzati con cataste di legna. E’ la tipologia più diffusa.

Sono attestati anche i termini foghilloni e fogoni. A Ottana invece s’ogulone.

Is frascas e sas frascas, is sèlemas e sas sèlemas: soprattutto in Ogliastra e in Baronia, si tratta di cataste di legna e frasche di cespugli della macchia mediterranea. A Dorgali è chiamato su romasinu perchè prevalgono i cespugli e l’odore del rosmarino.

A Bitti è chiamato sa ochina, mentre a Torpé su fogulone.

Is tuvas e sas tuvas: tronchi di alberi che i fulmini e lo scorrere del tempo hanno reso cavi. A Sedilo, Aidomaggiore, Ghilarza e altri centri dell’alto oristanese.

Gràtzias a Verònica, Frantziscu e Fabrìtziu po s’agiudu!

Leggi anche:
E se vuoi un carnevale che non ce n’è un altro su tutta la terra…
Carnevale a Mamoiada