Questo sito contribuisce alla audience di

Sant'Antoni de su fogu: il Prometeo sardo

La figura di Sant'Antonio Abate nella tradizione sarda. Un racconto.

sant-antoni L’importanza che la figura di Sant’Antonio Abate ha ancora oggi nel contesto culturale sardo è incomprensibile se non si conosce il racconto del furto del fuoco.

Infatti Sant’Antoni de su fogu, così come è chiamato in Sardegna, è il Prometeo della tradizione sarda: colui che rubò il fuoco dall’inferno per regalarlo agli uomini.

Ma non fu cosa facile: Sant’Antonio riuscì infatti ad entrare all’inferno grazie all’aiuto del maialino che sempre lo seguiva e a rubare le scintille del fuoco grazie alle proprietà del suo bastone di ferula, che brucia dentro e non si vede fuori.

Ed è per questo gesto così importante che in tantissimi centri dell’isola si accendono e si benedicono i fuochi, rendendo così omaggio a chi ha permesso alle popolazioni sarde di sopravvivere al freddo e alle intemperie.

Ecco il racconto in Lingua Sarda:

Nanta ca una borta in su mundu su fogu no nci fiat e is òminis de su frius morìanta. Po cust’arrexoni Sant’Antoni dispràxiu meda fiat e de andai a ddu furai a s’inferru iat detzìdiu. Ita iat fatu intzandus? Acostau si fiat a s”enna de s’inferru, tochendidda po si dda fai oberri, ma is tiàulus no ddu iant lassau intrai.

Intzandus e ita iat fatu issu? Sigumenti s”enna fiat pagu pagu oberta, a su porceddeddu iat nau de s’imbucai lestru. Cosa chi iat fatu. E in cuddu logu a curri si fiat postu, ponendi totu in avolotu. E intzandus Sant’Antoni iat domandau a is tiàulus: “lassai-mi intrai ca depu circai a su porceddeddu po mi ddu pigai torra!”. E diaici is tiàulus ddu iant fatu intrai.

E duncas, una borta intrau Sant’Antoni, a su porceddeddu iat aciapau. A pustis però, faendi biri a is dimònius ca stracu pèrdiu fiat, sa gentilesa de si pasiai acantu a su fogaroni mannu, chi ingunis nci fiat, iat pediu. E aici iat fatu. Ma sigumenti issu fiat acostumau a passillai cun su bàculu de fèrula, a pagu a pagu a su fogu acostau ddu iat, ca sa fèrula aintru bruxat e a foras no si bit.

Saludendi e torrendi gràtzias, cun su porceddeddu e su bàculu si ndi fiat andau, lassendi cussu logu callenti de aundi su fogu nd’iat furau. Aici, in su mundu fiat torrau e su fogu a is òminis iat arregalau, cussu fogu chi a cinciddas fiat, stugiau aintru de su bàculu de fèrula, e chi a fogaroni mannu bessiu ndi fiat po su prexu de is òminis.

Leggi anche / Càstia puru:
I fuochi di Sant’Antonio Abate in Sardegna