Questo sito contribuisce alla audience di

Asi e Vani

Nel pantheon scandinavo troviamo due gruppi di dèi: gli Asi e i Vani

Probabilmente i Vani hanno origine più antica: sono gli dèi della natura e della fertilità, legati al mondo contadino. Sono esperti nelle arti magiche e conoscono il futuro.

La pratica dell’incesto, molto diffusa fra loro, ci dà l’idea di una società poco propensa ad aprirsi e a svilupparsi.

Vivono nel Vanaheimr, ‘terra dei Vani’.

Gli Asi, invece, sono dei guerrieri; probabilmente il loro culto fu portato da popoli invasori indoeuropei e subentrarono ai Vani in epoca successiva.

Sia gli Asi che i Vani presentano delle caratteristiche umane sia nelle avventure che nel modo di affrontarle. Oltre ad essere valorosi possiedono tutte quelle debolezze umane che in genere non si trovano in esseri divini; sono infatti anche gelosi, vendicativi, e addirittura mortali.

Ad esempio si suppone che Bragi, dio della poesia, sia la divinizzazione dello scaldo Bragi Boddason (IX secolo).

Perfino Odino ci viene presentato da Snorri Sturluson nella Saga degli Ynglingar come uomo che, grazie alle sue qualità, riesce a guadagnarsi ammirazione prima e poi addirittura venerazione.

Le loro storie e i rapporti tra le due stirpi ci vengono raccontate attraverso i miti.

Ultimi interventi

Vedi tutti