Questo sito contribuisce alla audience di

Il sorabo, una lingua sconosciuta

Cos'è il sorabo? Chi lo parla e dove? Qualche informazione su una delle lingue meno conosciute d'Europa.

Il sorabo o serbolusaziano è una lingua slava occidentale strettamente imparentata al ceco, ma parlata ormai da poco più di 70.000 persone nella regione di Lausitz e Spreewald in Germania orientale.
Ne esistono due forme, il sorabo inferiore e il sorabo superiore. Il primo è parlato da circa 50.000 persone nella zona di Löbau, Bautzen, Bischofswerda, Kamenz, Hoyerswerda, Senftenberg, Spremberg, Weißwasser e Niesky, ma è solitamente utilizzato solamente come lingua della cultura e simbolo dell’identità nazionale di questa popolazione. Solamente nei villaggi conservatori compresi nel triangolo costituito dalle cittadine di Kamenz - Bautzen - Hoyerswerda esso viene ancora utilizzato nella comunicazione quotidiana anche dai giovani. ll centro politico del sorabo superiore è proprio Bautzen.
Il sorabo inferiore, invece, viene parlato solo da 20.000 persone ed è più simile al polacco che al ceco.
La distinzione principale tra sorabo inferiore e superiore risiede essenzialmente nella diversa forma di scrittura adottata, che utilizza alcuni segni diacritici del ceco e altri del polacco.

Entrambe le lingue erano inizialmente un dialetto ceco che, in seguito alla separazione politica dalla Boemia, a partire dal 1500 ha dato origine a varianti significative tipicamente sorabe. Un ruolo fondamentale è stato svolto dalla riforma protestante che prevedeva il servizio liturgico in lingua nazionale. In questa occasione, infatti, hanno avuto origine i primi testi scritti in sorabo.

Essendo una popolazione essenzialmente agricola e quindi conservatrice, i Sorabi hanno potuto tramandare insieme alla lingua tradizioni slave senza problemi fino al 1800, quando l’industrializzazione spinse molti giovani dalle campagne nelle vicine città tedesche come Dresda e Lipsia, rompendo così i loro contatti con la cultura tradizionale. Proprio nell”800, però, la riscoperta delle radici nazionali portata dal romanticismo diede anche impulso alla creazione di una stampa soraba. Da quel momento la lingua soraba iniziò a diventare sempre più una lingua di cultura, mentre nella popolazione si diffuse sempre più il bilinguismo. Un momento particolarmente ciritico per la popolazione soraba fu rappresentato dal periodo nazista, durante il quale si cercò di eliminare la lingua soraba proibendone l’uso e chiudendo associazioni e giornali.

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • sergio chinese

    20 Jan 2009 - 16:41 - #1
    0 punti
    Up Down

    sono un autentico resiano e mi impegno dilettantisticamente di tutelare la cultura della mia terra con particolare riguardo agli aspetti linguistici.
    a partire dal XVIII secolo molti studiosi hanno cercato di dimostrare le affinità linguistiche tra il sorabo e il resiano.
    lo stesso padre della glottologia moderna, J.I. Baudouin de Courtenay, studiò a fondo queste due lingue.
    da molto tempo mi occupo della tutela del ricco patrimonio linguistico resiano e vorrei trovare qualche persona con cui scambiare opinioni al riguardo.
    ho pubblicato il primo repertorio lessicale resiano italiano , alcune poesie, tradotto alcune favole di Tolstoj … e nel 2007 ho completato la traduzione dei quattro vangeli in resiano.
    grazie per la disponibilità offertami da questo sito
    Buhlunej nu sbuhan

Link correlati