Questo sito contribuisce alla audience di

Vacanze slave

Quale modo migliore per conoscere dal vero i Paesi slavi e magari fare qualche chiaccherata in una di queste lingue con gli abitanti del posto che viaggiare e girovagare un po’ a est?

Se si pensa ai Paesi slavi nel loro complesso esistono varie possibilità, dai più tipici tour di città – in cui probabilmente Praga è la più popolare – al mare – dove le mete più classiche non possono che essere nella nostra vicina Croazia. Tuttavia per gli amanti del mare esistono anche le belle spiagge bulgare che si affacciano sul Mar Nero, conosciute soprattutto dai turisti tedeschi, o quelle ucraine meta di turismo prevalentemente interno, mentre se amate le passeggiate in montagna il meglio è sicuramente nelle Alpi slovene, ma paesaggi incontaminati li potete trovare anche tra i leggendari Carpazi in Ucraina e Slovacchia o tra i Tatra Polacchi, dove il luogo più caratteristico è senz’altro Zakopane con le sue case intagliate.

Girovagando per le numerose città storiche non trascurate nessuna delle capitali, ognuna delle quali rappresenta degnamente il proprio Paese, da Kiev ricca di cupole dorate alle più “asburgiche” Zagabria, Lubiana e Bratislava a Sofia e Belgrado dove le cupole ortodosse si mescolano alle tracce turche. Tra le altre città vi segnalo in questo mio incompleto elenco Lviv e Odessa che mostrano contrastanti aspetti dell’Ucraina, ovviamente la famosissima Cracovia insieme a Torun, Poznan, Wroclaw e Danzica in Polonia, la meravigliosa “piccola Praga” Cesky Krumlov insieme a Olomouc e Brno in Repubblica ceca, le rovine romane di Spalato (Split) e Pola in Croazia…

Se poi amate i parchi naturali il consiglio più classico è il Parco dei Laghi Masuri in Polonia, regione molto bella e per di più abitata dagli unici bisonti europei. Guardando sotto terra invece tra le cose più particolari si trova la miniera di sale di Wieliczka, in Polonia, vicino a Cracovia, assolutamente spettacolare con il suo mondo sotterraneo di luccicanti statue di sale. Famosissime anche le grotte di Plitivice, tra Slovenia e Croazia, con tipici fenomeni carsici.

Ci sono però anche altre possibilità, e specialmente un consiglio: per conoscere realmente un Paese, soprattutto se l’agricoltura è molto importante come avviene in molti di questi Paesi, bisogna dedicare qualche giorno a percorrere le campagne, in macchina o in treno (dove magari potrete anche fare qualche conoscenza), fermandosi in qualche villaggio che non ha magari nulla di particolare dal punto di vista storico o artistico, ma è “tipico”. Perché quel che resta di un cosiddetto “spirito slavo” si trova essenzialmente lì, nelle leggende, nei canti e nelle tradizioni conservate in campagna, mentre nelle città tutto questo è assai meno palpabile, soprattutto nelle città grandi e “famose” dove difficilmente si coglie la traccia del passato autentico. Certo, in alcuni villaggi molto poveri questo può anche significare strade sterrate e bevute nel pozzo, ma d’estate non è poi così grave e in cambio potrete gustare ottimi cibi cucinati in casa. Tra le specialità da gustare non dimenticatevi la birra, la vodka e liquori vari, in proporzioni variabili a seconda dei luoghi, ma fate attenzione ai molti ubriachi che troverete in giro!
Inoltre spesso le campagne sono popolate – basta guardare bene nel verde dei prati - da cicogne, ed è facile passeggiare nei boschi o fare qualche bagno in piccoli laghi.

Nei Paesi ortodossi non trascurate le piccole chiese, in genere le più antiche, e i monasteri che anche in città si aprono come un mondo completamente diverso, di raccoglimento e di pace. Se andate in Ucraina, poi, potrete trovare le famose Chiese uniati, molto simili a quelle ortodosse. Moltissimi di questi luoghi sono ricchi di castelli, sia in città che in campagna, più o meno belli, storici, pregiati… In repubblica ceca spesso, come a Cesky Krumlov, nel fossato si trovano ancora degli orsi che una volta avevano un chiaro scopo difensivo.

Infine, se visitate la Croazia non perdete l’occasione di vedere qualche scritta nel famoso alfabeto glagolitico: se ne trovano in molte chiese, anche nei paesi di mare.